martedì 31 ottobre 2017

POMODORI ALLA MENTA

 
Una fresca e stuzzicante insalata di pomodori si potrà ottenere aggiungendo ai pomodori tagliati a fette e conditi con olio, limone, sale, pepe e delle uova sode tagliate a fette sottili e un trito di foglie di menta, prezzemolo e cipolline sott'aceto; una puntina di aglio schiacciato darà il tocco finale al piatto.

lunedì 30 ottobre 2017

IL PROBLEMA CIPOLLA

Chi si astiene dal mangiare le cipolle, pur apprezzando questa appetitosa verdura, perché teme che se ne senta poi l'odore nell'alito, potrà evitare di sacrifiearsi ed eliminare, nello stesso tempo, l'inconveniente, bevendo del latte tiepido subito dopo aver mangiato.
 

domenica 29 ottobre 2017

NON PORRE MAI L'APOSTROFO...

E' preferibile non porre mai l'apostrofo dopo l'articolo plurale maschile gli; comunque l'apostrofo è permesso solo davanti alle parole che iniziano per la vocale i. Esempio: Gli elefanti ( e non : gl'elefanti, Gli italiani (in questo caso si può tuttavia scrivere anche: gl'italiani).

sabato 28 ottobre 2017

BUDINO

Ecco due tipi di budini molto semplici da preparare.

Budino di, mandorle: pestate finemente due etti di mandorle spellate e unite a esse un ettogrammo di cioccolato amaro grattugiato, un ettogrammo di zucchero, un cucchiaio di fecola e quattro albumi d'uovo montati a neve. Cuocete il dolce dentro uno stampo da budini unto di burro, in forno a calore moderato, finché sarà rassodato e dorato in superficie. 

Budino di, limone: mescolate 100 grammi di zucchero, il succo di cinque limoni e tre tuorli d'uovo; unite gli albumi montati e cuocete a forno tiepido. Servite cospargendo di zucchero.

venerdì 27 ottobre 2017

TISANA DEPURATIVA


Per ottenere un'ottima tisana depurativa lasciate a macero per 12 ore in una scodella di acqua bollente un cucchiaio di gramigna, uno di cicoria e uno di bardana.
Potrete acquistare queste erbe presso un erborista. Si passa al setaccio la tisana e la si beve tiepida il mattino a digiuno.

giovedì 26 ottobre 2017

LATTE PER CUCCIOLI DI CANE

Se la madre dei cuccioli non ha latte dovrete nutrire le bestiole con il biberon  ogni due o tre ore. Usate latte di mucca cui aggiungerete due uova fresche e dieci quadretti di zucchero per ogni litro.
Quando i cuccioli saranno giunti all'età di sei settimane potrete cominciare a nutrirli anche con farina lattea e passato di legumi, finché, quando i cuccioli avranno due mesi e mezzo, potrete già somministrare loro un'alimentazione completa e normale.

mercoledì 25 ottobre 2017

PROTEGGERE GLI SPIGOLI DEI MURI

Per proteggere gli spigoli dei muri nei punti di maggiore passaggio applicatevi delle strisce di rivestimento ad angolo di legno, plastica, gomma, che si trovano già pronte nei grandi punti vendita specializzati. Si tagliano nella misura necessaria e si applicano con adesivo già preincollato o con  silicone oppure con chiodini. Hanno anche una funzione decorativa e incorniciano piacevolmente le travature oppure i pilastri che sporgono dal muro.

martedì 24 ottobre 2017

WIFI E 5G GRATUITI

Connessioni wifi gratuite nelle aree pubbliche di tutte le grandi città e anche nei centri minori. E' questo lo scenario europeo che si prefigura a partire dal 2020 secondo la recente proposta approvata dalla Commissione Europea lndustria Trasporti Ricerca e Energia.  Non solo: il parlamento europeo ha anche chiesto un impegno per il miglioramento delle connessioni di telefonia mobile, che dovrebbero arrivare allo standard 5G entro il 2025.
 
Una notizia importante non solo per l'intera Europa, ma in particolare per paesi come l'ltalia, che da sempre soffre particolarmente il digital divide. Basti pensare che il 5G è stato attivato solo a Milano, Prato, UAquila e Matera,

lunedì 23 ottobre 2017

BAMBINI E AVVELENAMENTO - COME AGIRE


Nel caso che un bambino/a abbia ingerito una sostanza velenosa, o se soltanto avete il sospetto che ciò sia avvenuto, non perdete tempo in passi inutili.

- Non fate un'inchiesta per stabilire le cause dell’incidente: la svolgerete in un secondo tempo.

-  Non tentate di dare al bambino un contravveleno, ad esempio il latte, che in certi casi potrebbe essergli, invece che utile, fatale.

-  Non cercate di avvertire o raggiungere il medico, che in quel momento potrebbe essere assente, e comunque poco potrebbe fare senza avere con sé i mezzi necessari alle cure di emergenza, che in certi casi richiedono un'attrezzatura complessa (lavanda gastrica, trasfusioni, ecc.).

-  Prendete il bambino e portatelo nel più breve tempo possibile in un luogo dove possa essere convenientemente curato: pronto soccorso, ospedale, clinica, meglio se clinica pediatrica.

Una piccina fu felicemente salvata solo perché la mamma scese in strada così com'era, in vestaglia e pantofole, e chiese un passaggio alla prima macchina che incontrò per portarla in ospedale.

-  Se vi è possibile, portate con voi la bottiglia, il flacone, il tubetto da cui è stato prelevato il veleno ingerito dal bambino: sarà molto più facile per il medico orientarsi sulle cure che deve praticare immediatamente.

domenica 22 ottobre 2017

CANI INVERNALI

I vostri cani nella cattiva stagione si muovono meno , sprecano minor energia e quindi hanno bisogno di minor nutrimento.

sabato 21 ottobre 2017

REFERENDUM AUTONOMIA LOMBARDIA


 
Domani 22 ottobre in Lombardia si andrà al voto consultivo per chiedere al governo italiano più autonomia nelle seguenti materie: 
Le materie su cui richiedere autonomia, in base all’art. 116 terzo comma della Costituzione sono:
ü   organizzazione della giustizia di pace;
ü   tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali;
ü   valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali;
ü   rapporti internazionali e con l’Unione europea delle Regioni;
ü   commercio con l’estero;
ü   tutela e sicurezza del lavoro;
ü   norme generali sull’istruzione;
ü   istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale;
ü   professioni;
ü   ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori produttivi;
ü   tutela della salute;
ü   alimentazione;
ü   ordinamento sportivo;
ü   protezione civile;
ü   governo del territorio;
ü   porti e aeroporti civili;
ü   grandi reti di trasporto e di navigazione;
ü   ordinamento della comunicazione;
ü   produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell’energia;
ü   previdenza complementare e integrativa;
ü   coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario;
ü   casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere regionale;
ü   enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale.

 

venerdì 20 ottobre 2017

MARMELLATA DI LIMONI


E a proposito di marmellata, mai provata quella di limoni? È gustosissima. Occorrono dodici limoni a buccia grossa e un chilo di zucchero. Si tagliano i limoni, buccia compresa, a fette sottili, togliendo i semi. Si mettono i limoni affettati in una bacinella di vetro o di plastica e si coprono d'acqua, tenendoli a bagno due giorni e rinnovando ogni tanto l'acqua. Aggiungere infine lo zucchero e mettere a bollire per venti minuti circa. La marmellata è pronta quando la buccia si può bucare con l'ago.

giovedì 19 ottobre 2017

INDUMENTO GIA' LAVATO A SECCO

Se si deve lavare in acqua un indumento precedentemente pulito a secco in tintoria, eseguire almeno tre lavaggi per sciogliere le sostanze chimiche usate in tintoria, che impediscono all'acqua e al sapone di penetrare bene.

mercoledì 18 ottobre 2017

INFORTUNI DOMESTICI


Una statistica di poco tempo fa rivela che ogni anno nel mondo muoiono circa cinquecentomila persone ( di cui una buona parte  bambini ) per incidenti accaduti in casa.

Questa cifra non vuole spaventare, è chiaro, ma mostrare che anche in casa, luogo ritenuto assolutamente sicuro, possono avvenire incidenti gravi e talvolta mortali. Fra le tranquille pareti domestiche, infatti, ci sono moltissime possibilità di infortuni: l'elettricità, il gas, le varie sostanze chimiche per pulire e disinfettare, i liquidi bollenti, gli oggetti appuntiti e taglienti, le macchine, ecc.

È necessario e importante quindi, che le persone che vivono la casa conoscano bene questi pericoli e soprattutto sappiano quali norme usare per prevenirli, evitarli e porvi rimedio.

martedì 17 ottobre 2017

STUZZICHINO PER APERITIVO

Per non servire sempre olive e patatine con gli aperitivi, passate un minuto nell'acqua bollente delle tagliatelle e preparate delle fettine sottili di gruviera; fatele scolare e fatele friggere due minuti, per renderle croccanti. Vedrete che i  vostri ospiti ne saranno entusiasti.

lunedì 16 ottobre 2017

PULIZIA SCARPE DI CAMOSCIO

Per pulire le scarpe in camoscio: passatele con una carta vetrata a grana finissima, poi con una spazzola morbida bagnata in una soluzione di acqua e ammoniaca.

domenica 15 ottobre 2017

LE COSE GOFFE

Le cose goffe è dire: << il mio Renato/la mia Renata >>, parlando del proprio marito o moglie.
La vera signora/ il vero signore dice: << mio marito/mia moglie >> oppure << Renato/Renata >>.  

sabato 14 ottobre 2017

GIOCO DEGLI ACCESSORI


In fatto di abbigliamento sono accadute, nel corso degli anni, strane cose: le regole fondamentali dell'eleganza sono diventate più elastiche, i criteri su cui era impostata la difficile arte del saper vestire appaiono, se non del tutto superati, almeno assai mutati rispetto a quelli di una volta.

Un esempio? II nero, questo colore fondamentale del guardaroba , un tempo era considerato essenzialmente elegante, destinato cioè soltanto alle ore del tardo pomeriggio e della sera; portarlo al mattino, nelle occasioni più normali della vita quotidiana, era considerato un errore e perciò evitato.

Oggi invece il nero sportivo, il nero pratico, trionfa dappertutto e in tutte le ore del giorno, accostato ai colori più diversi oppure da solo.

Ma la rivoluzione più clamorosa ed evidente si è verificata nel campo degli accessori, questi importantissimi complementi, dai quali dipende, ormai ne siamo tutti perfettamente convinti, gran parte dell'eleganza stessa.

Non molto tempo fa il guardaroba con molti abiti, pensavano che gli accessori, in fondo, potevano aspettare e che quando si possedevano pochi pezzi-base che andassero bene, più o meno, con tutti i vestiti si era a posto per diversi anni.

La moda attuale ha completamente capovolto questa mentalità: oggi è ammesso che l'abito possa durare forse  un anno, ma ad ogni stagione escono accessori nuovissimi, stravaganti, originali e diversi che si impongono all'attenzione e invitano  all'acquisto.

Questi accessori sono talvolta sorprendenti, per esempio per quanto riguarda i materiali impiegati. Un tempo scarpe  e borsette erano foggiate in pochi pellami e in pochissimi colori, senza alcuna variazione. Oggi quei pellami vengono trattati nei modi più svariati rendendoli irriconoscibili: a essi si aggiungono tessuti, materiali plastici e sintetici eccetera. I colori non hanno più limiti per gioielli, borsette, portafogli, scarpe, ombrelli e qualsiasi altro tipo accessorio.  

venerdì 13 ottobre 2017

LAMPADARIO CON TANTE LAMPADINE

Se avete un lampadario munito di molte lampadine e vi accade spesso che una o l'altra di queste si bruciano, fate revisionare l'impianto da un elettricista: con tutta probabilità l'attacco elettrico del lampadario non sopporta il carico eccessivo di potenza luminosa, per cui deve essere senz'altro modificato. 

giovedì 12 ottobre 2017

CANCELLARE LE SMAGLIATURE


No, le smagliature, nella maggior parte dei casi quando ci sono rimangono. Sono delle ferite cicatrizzate e le cicatrici purtroppo, sono indelebili. Si possono però curare, ridurre di ampiezza, rendere meno evidenti.
Dermatologi e cosmetologi sono al lavoro per risolvere il problema dal punto di vista medico ed estetico ma, allo stato delle cose, le speranze di successo sono ancora lontane.
Comunque la prima cosa  messa a punto è questa: una pomata coprente capace di mimetizzare perfettamente le smagliature. E’ una specie di fondo tinta con la stessa colorazione della pelle ma con queste caratteristiche: elastico (e quindi consente il movimento, senza  tirarsi e senza rompersi), immobile (e quindi non aderisce ai vestiti o alla biancheria), impermeabile (e quindi permette, ad esempio, il bagno in mare), solubile solo con determinate sostanze (il latte detergente, ad esempio, o un olio). Naturalmente l’applicazione è esclusivamente cosmetologica, si limita a migliorare l'estetica, non serve a guarire o a riempire i solchi del tessuto connettivo.
Maschera, insomma, le smagliature, non le elimina.

mercoledì 11 ottobre 2017

CONTORNO INSOLITO

Un contorno insolito: cuocete in acqua leggermente salata, con l'aggiunta di poco olio di oliva, dei fagioli borlotti. Passateli al setaccio e aggiungete all'impasto una noce di burro, un pizzico di pepe e di spezie, un cucchiaino di succo di limone e un poco di basilico fresco tritato. Preparate delle polpettine, bagnatele poi nell'uovo sbattuto, passatele nel pantrito e friggetele. 

martedì 10 ottobre 2017

CONVERSAZIONE: CORREZIONI INTERRUZIONI


Ci sono persone che per malintesa buona volontà, o per mostrarsi colte e informate, o semplicemente per vizio, hanno l'abitudine di correggere quelli che stanno parlando. È questa una grossa mancanza, specialmente quando ci si trova in pubblico.
Non è affatto vero che correggere una persona sia un atto di gentilezza.

Può esserlo solamente in questi casi:
quando non c'è nessun altro che ascolta la  correzione (e quindi registra lo sbaglio);
quando lo sbaglio può essere veramente dannoso a quella persona;
quando pensiamo che non ci sia nessuno più adatto di noi a correggerla (madre, insegnante, parente o amica intima);
quando siamo certi che questa persona desidera essere corretta.
In tutti gli altri casi, si lascia che sbagli.

Il fatto che pronunci male le parole straniere, che confonda le date, che racconti cose inesatte, non ci autorizza affatto a intervenire. Correggendo la persona, non faremmo che far notare a tutti il suo errore e, invece di guadagnarci la gratitudine di chi abbiamo inteso aiutare, ce ne guadagneremo il risentimento.

lunedì 9 ottobre 2017

MANI E PIEDI SUDATI


Le mani sudaticce sono di solito fredde al contatto e danno una sensazione francamente sgradevole: sono tipiche delle persone molto nervose o ipersensibili, delle donne soggette a geloni o con mestruazioni piuttosto scarse, di chi ha disturbi circolatori o un eccesso di urea nel sangue. Le stesse cause, all’incirca, determinano la sudorazione ai piedi ed è evidente, quindi, che tali disturbi richiedono l'aiuto del medico che interverrà, secondo i casi, con cure vitaminiche, ricostituenti o con sedativi.

Un beneficio momentaneo si può trovare ricorrendo, sia per le mani sia per i piedi, a immersioni in acqua fredda e aceto (3-4 minuti): poi gli arti si risciacquano e si asciugano con cura e si spruzzano o si passano col deodorante. Un altro buon sistema è quello di frizionare mani e piedi con alcool canforato spolverando poi di talco.

Per i piedi sono ottimi anche i pediluvi con una soluzione di permanganato di potassio oppure di acido cromico o di alcool naftolato. Occorre non dimenticare, comunque, che il sollievo che queste applicazioni possono dare è di breve durata e che solo il medico è in grado di curare, scoprendone la causa, la malattia. Infatti, anche se vi sembra paradossale, si tratta proprio di una malattia che i medici definiscono  “iperidrosi”, eccesso di acqua. Sudare, è utile, è indispensabile, fa bene; ma sudare troppo indebolisce l’organismo, macera la pelle, la rende più sensibile e meno resistente alle infezioni.

domenica 8 ottobre 2017

VILLA PREFABBRICATA


II problema di ingrandire la propria casa preoccupa, a un certo momento, quasi tutte le famiglie. Ragioni pratiche e numeriche (i componenti della famiglia aumentano, i figli crescono e hanno sempre maggiori esigenze) e ragioni psicologiche (il miglioramento delle condizioni economiche man mano che elementi della progrediscono nella carriera) inducono a cercare una casa più grande, più rappresentativa.

Perciò disporre di una casa che possa crescere insieme alle nostre esigenze risulta molto importante.

L'ampliamento di una casa, dove si è sempre vissuti, in muratura è possibile, ma risulta decisamente costoso perché prevede sempre delle operazioni (demolizioni e ricostruzioni) che richiedono l’intervento di mano d'opera specializzata.

Nel caso della casa prefabbricata, invece, l'ampliamento avviene senza alcuna demolizione di parti già costruite, ma solo con l'aggiunta di elementi già predisposti. Alla casa fatta di  “elementi” componibili vengono aggiunti, cioè altri elementi.

Grazie a questa flessibilità e possibilità di adattamento si potrà ottenere la casa ideale per ciascuno  in ciascun momento della  vita.

sabato 7 ottobre 2017

L'AMBRA

L'ambra non è un minerale vero e proprio, ma una resina delle foreste di milioni e milioni d'anni fa e perciò ormai fossilizzata. E' d'aspetto simile alla cera solida e ha una caratteristica colorazione, che va dal giallo chiaro al giallo bruno con riflessi rossastri. Se ne fanno rosari, bocchini da pipa e altri oggetti per fumatori, ma anche gioielli , specialmente con taglio ovale: anelli, braccialetti, collane e spille legati preferibilmente con oro giallo

venerdì 6 ottobre 2017

5 AZIONI PER L'AMBIENTE

Tutti noi possiamo facilmente contribuire alla salvaguardia dell’ambiente. Con 5 semplici mosse.


Questo è il messaggio che la scrittrice e blogger americana Bea Johnson ha condiviso in occasione della presentazione del suo libro, nella versione italiana, Zero rifiuti in casa (Logart Press Editore, 2017. Traduzione di C. De Bernardinis. Con illustrazioni di Bea Johnson. 261 pp., stampato su carta riciclata certificata FSC 100g.)
Zero rifiuti sembra un obiettivo impossibile e invece Bea Johnson, attraverso il suo racconto semplice e vivace, ci fa capire come una scelta di vita individuale possa contribuire non solo alla salvaguardia dell’ambiente, ma anche alla felicità domestica. Infatti ciò che colpisce di questo racconto è come in un contesto dove il consumismo è spinto all’estremo e il benessere sembra strettamente connesso al possesso delle cose, vivere con l’essenziale possa rendere molto più leggeri e sereni.
Bea per molti anni ha rappresentato il modello americano tipico: bella casa, oggetti di design, abiti per ogni occasione, attrezzature sportive di ogni genere, poi gradualmente la consapevolezza che tutto quel superfluo era dannoso per il pianeta e per la sua famiglia. Di qui è partita la svolta verso lo stile descritto nel suo libro e che si condensa nel metodo delle 5 R per la salvaguardia dell’ambiente.
 
Ecco i punti essenziali:
 
Rifiutare: molti oggetti che ci arrivano dall’esterno sono inutili, quindi è sufficiente rifiutarli e fare in modo che non arrivino in casa; all’inizio può sembrare difficile ma con un po’ di attenzione e perseveranza si riesce a evitare l’accumulo inutile.

Ridurre: se in casa servono 5 sedie perché possederne 20? Se si presta attenzione a ciò che si ha in casa ci si renderà conto che molte cose non servono, non sono necessarie, e allora perché non ridurne la quantità limitandosi solo a ciò che è davvero importante?
Riutilizzare: su questo concetto Bea si sofferma molto, perché rappresenta il nucleo fondamentale dello zero rifiuti. Tutto ciò che è mono uso va eliminato e sostituito con materiali riutilizzabili. Gli esempi presentati sono molti, dall’acquisto di cibi e detersivi sfusi, con contenitori propri in vetro o stoffa, all’utilizzo del bicarbonato come dentifricio e ai cosmetici fatti in casa con materiali alimentari come il cacao, o all’acquisto nei negozi e mercatini dell’usato. Il principio è che gli oggetti devono essere utilizzati e riutilizzati con creatività e inventiva.
 
Riciclare: tutto ciò che non può essere oggetto dei passi successivi, deve essere riciclato.
 
Ridurre in compost: ultima fase del processo, gli scarti alimentari devono essere compostati e riutilizzati come fertilizzante.
Oggi Bea e la sua famiglia riescono nel corso dell’anno a produrre una quantità minima di rifiuti e a risparmiare circa il 40% rispetto a quanto spendevano in precedenza con un vantaggio ambientale ed economico.
Riguardo agli aspetti più complessi come gli impatti economici di questo stile di vita sul sistema produttivo, le indicazioni della scrittrice sono rassicuranti. Bea ha evidenziato come dopo le sue presentazioni siano aumentati gli esercizi commerciali di cibi e detersivi sfusi, come sia stata contattata da grandi aziende per consulenza circa i metodi di imballaggio, oltre a essere inviata a conferenze e presentazioni in scuole e istituzioni interessate a sensibilizzare sui temi ambientali.
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

L’augurio è che un comportamento di consumo virtuoso possa influenzare positivamente il sistema produttivo contribuendo a generare un modello più sostenibile. 

 

giovedì 5 ottobre 2017

mercoledì 4 ottobre 2017

MELA... A CHI E' SCONSIGLIATA

La mela è sconsigliata ai diabetici, che non devono abusarne a causa del suo contenuto in zuccheri, e a chi soffre di bruciori di stomaco, poiché le mele crude favoriscono la secrezione gastrica e contengono acido malico, che può essere irritante per le mucose gastriche sensibili.  

martedì 3 ottobre 2017

PIENO DI PROTEINE A CENA


Alternate il più possibile pesce, uova e latticini. La carne è ammessa solo 1-2 volte alla settimana. Accompagnate sempre le proteine con un abbondante contorno di verdura e una fetta di pane integrale. Se siete vegetariani, sono perfette le zuppe di legumi e cereali che sostituiscono egregiamente le proteine animali, e tutte le alternative vegetariane (hamburger, affettati, spezzatini, etc.) a base di soia e legumi, disponibili in tutti i supermercati.

lunedì 2 ottobre 2017

RISO FRULLATO


Il riso, utilissimo nell'alimentazione dei bambini, è uno dei primi cibi solidi che vengono loro somministrati e per questo può accadere che essi lo rifiutino, perché sono infastiditi dalla novità dei chicchi. In tal caso spappolate il riso nel frullatore, dopo averlo ben cotto. Mescolato a un passato di carote costituisce un ottimo primo piatto, rinfrescante e nutriente.

domenica 1 ottobre 2017

VECCHIO TAVOLO


Se trovate un vecchio tavolo da lavoro non lasciatevi scoraggiare dal suo aspetto di mobile ormai in disuso. Potete restaurarlo voi stessi, armati di stucco francese e di carta vetrata finissima, doppio zero, per livellare le eventuali disuguaglianze.
Se le condizioni del mobile Io permettono limitatevi a renderlo lucido e lavabile verniciandolo con il poliestere. Se invece la superficie del mobile è molto mal ridotta ricorrerete a uno smalto opaco, che copre le imperfezioni. Lasciate passare un giorno tra la prima e la seconda mano di vernice.
Potrete senz'altro utilizzare il tavolo a vostro piacere, essendo orgogliosi del lavoro svolto.