sabato 31 ottobre 2015

IL RAME


CHE COS'È IL RAME
Dal punto di vista chimico il rame è un metallo pesante, dal colore caldo, noto anche alle popolazioni più antiche perché si è sempre trovato facilmente allo stato naturale negli strati superficiali della crosta terrestre.
Si presenta di solito a pezzi di dimensioni piuttosto piccole che vengono poi fusi insieme.
Poiché ha la proprietà di essere molto malleabile si presta a essere martellato: la superficie dell'oggetto risulta così piacevolmente sfaccettata.
Si unisce molto spesso con altri metalli a formare delle leghe che si rivelano più dure e più resistenti del rame allo stato puro: unito allo stagno, per esempio, esso dà luogo al bronzo, unito allo zinco forma l'ottone.

BREVE STORIA DEL RAME
Il rame fu uno dei primi metalli utilizzati dall'uomo e servì nelle sue prime applicazioni a forgiare armi e utensili. Nel Medioevo cominciò a essere martellato o sbalzato e, nei lavori di oreficeria, inciso, dorato e smaltato. Nel Rinascimento fu impiegato nell'arte scultorea e servì per un grandissimo numero d i suppellettili sacre e domestiche: dai reliquiari agli scaldavivande, dai bracieri alle lampade. Venne inoltre impiegato in marina, per i fanali e per alcune preziose decorazioni. Oggi viene usato quasi esclusivamente per gli arredi sacri; gli utensili domestici, diffusissimi, come v i abbiamo già detto, nel secolo scorso, servono soprattutto come motivi di decorazione e quindi si scelgono preferibilmente fra gli esemplari autentici dell'Ottocento.

venerdì 30 ottobre 2015

PELLE GRASSA

La pelle grassa si riconosce di solito a prima vista: è di grana piuttosto grossa, carnosa, con pori dilatati e punti neri, colorito grigiastro e, qualche volta, una patina untuosa in superficie. Il sistema « classico » per accertare se si ha la pelle grassa è comunque quello della carta-seta (le cartine da sigaretta sono in carta-seta), o della carta velina sottile.
Si pulisce il viso (con latte e tonico), lo si lascia riposare per almeno tre ore, poi si applica sul volto, e anche sul collo, il fazzolettino di carta. Se esso risulta macchiato su quasi tutta la superficie vuol dire che la pelle è grassa. In realtà il sistema vale solo fino a un certo punto, perché una pelle grassa ma asfittica si presenterà pressoché
secca in superficie e, sicuramente, non lascerà che leggerissime tracce di unto.
PELLE GRASSA DI TIPO NORMALE
Da quanto detto sopra è facile arguire che non esiste un tipo unico di pelle grassa. Quella che comunemente viene indicata con questo termine è la pelle << oleosa >>, quella che trasuda e che appare lucida, soprattutto sulla fronte, sul mento, ai lati del naso. In questo tipo di pelle il sebo prodotto dalle ghiandole esce liberamente alla superficie e può essere opportunamente asportato.
PELLE GRASSA DI TIPO ASFITTICO
Ha le stesse caratteristiche della pelle grassa normale, quanto a spessore, colorito, pori dilatati e punti neri.
Ma ne differisce perché in superficie è secca, polverosa, presenta, spesso, granulazioni sottopelle, come grani di miglio e cisti sebacee. Richiede cure particolari per ammorbidire, in un primo tempo, lo strato corneo superficiale onde permettere, in seguito, la fuoruscita e l'eliminazione del sebo ristagnante.
SVANTAGGI E VANTAGGI
Gli svantaggi purtroppo sono molti: le donne con pelle grassa non avranno mai la gioia di un incarnato da bambola, con pelle sottile, luminosa, rosata, perfettamente compatta.
Dovranno lottare molto spesso con i fastidiosi foruncoletti, con i comedoni, con i punti neri; saranno quasi sempre ossessionate dall'acne, soprattutto nell'età giovanile.
I vantaggi sono due soli, ma fondamentali: le pelli grasse sopportano meglio di qualunque, altro tipo di pelle l'azione degli agenti atmosferici (vento, sole, acqua); invecchiano inoltre molto più lentamente.

giovedì 29 ottobre 2015

UTILITA' DEL SUPERMERCATO

Il supermercato fa risparmiare tempo al compratore, che può trovare a portata di mano tutto ciò che gli occorre, senza dover passare da un negozio all'altro per fare gli acquisti. Inoltre i prodotti sono venduti a un prezzo che è sempre più basso possibile, nella maggior parte dei casi, così che il supermercato esercita un'azione calmieristica sui prezzi praticati nella zona.

mercoledì 28 ottobre 2015

PUERICOLTURA

E' molto utile annotare su un apposito quaderno tutto ciò che riguarda il bambino nella crescita (dentizione, primi passi, prime parole) e nelle inevitabili malattie, anche se queste  sono di scarsa importanza. Al momento opportuno la mamma potrà presentare al medico un quadro dettagliato di tutto ciò che concerne suo figlio, senza dover frugare affannosamente nella memoria.    

martedì 27 ottobre 2015

QUATTRO SALTI IN CASA


LA SALA E GLI SPUNTINI

Nel locale dove si svolgerà la festicciola si cercherà di ottenere il maggior spazio libero possibile, spostando il tavolo e addossando sedie e poltrone alle pareti. I ninnoli preziosi o fragili saranno tolti di mezzo. Su un tavolo (possibilmente in una stanza vicina, oppure nella stessa stanza, ma non, naturalmente, in mezzo) si disporranno salatini in notevole quantità, pizzette, tartine, dolci, bibite, spremute di frutta (arancia, pompelmo), succhi di pomodoro, eventualmente aperitivi e qualche liquore. Questi ultimi, però, sono sconsigliabili in una festa di giovanissimi.

lunedì 26 ottobre 2015

ALIMENTAZIONE IN AUTUNNO


I COSTRUIRE LE RISERVE DI ENERGIA

Nella stagione calda abbiamo opportunamente seguito una dieta leggera e povera di calorie; essa ci ha liberato di molte tossine, ma ci ha anche privato di preziose riserve di grassi, che ora, con l'avvicinarsi dei primi freddi, diventano di nuovo indispensabili. Inoltre il ritorno al ritmo pieno di lavoro, la ripresa degli studi per i ragazzi e la prospettiva del lungo inverno che ci attende sono tutte condizioni che necessitano di una carica energetica appropriata che non può venire che dall'alimentazione.

Provvediamo anzitutto a reintegrare la dieta con una certa quantità di grassi. Burro, olio, margarina hanno come sappiamo un elevato potere calorico e contengono importanti vitamine, come la A e la D. Basterà calcolarne una dose giornaliera di 30-40 grammi per persona. Per quanto riguarda i bambini potrete tranquillamente aumentare questa dose.

Concedetevi qualche fetta di prosciutto o di altri salumi a pranzo. Anche la carne di agnello o di capretto è molto nutriente da questo punto dì vista, e così pure la carne di maiale (purché, naturalmente, non ci siano controindicazioni).

Un'ottima riserva di grassi è costituita pure dai formaggi e in particolare da taleggio, gorgonzola, hemmental, che potrete introdurre con larghezza nella vostra dieta , insieme al latte intero e
alle uova.

I grassi più digeribili restano però quelli vegetali, come l'olio d'oliva e la margarina, che, usati come condimenti, sono un prezioso e indispensabile complemento della dieta. Ai bambini date generose fette di pane e burro che, accompagnate dalla marmellata, costituiscono veramente la merenda perfetta.

Una variante sempre gradita, sia per la merenda che per la prima colazione, potrebbe essere un panino al formaggio.

APPROFITTARE DELLA STAGIONE

Non sono però solo le riserve di grassi che vi aiuteranno a entrare nell'autunno avanzato con la tranquillità delle persone previdenti.

Occorrono altre cose, naturalmente, e fra queste vi raccomandiamo una bella « scorta » di vitamine.

Passiamo subito ai dati pratici; la stagione autunnale ci offre, a proposito di frutta e verdura, solo l'imbarazzo della scelta; le bancarelle dei mercati e i negozi traboccano infatti di frutta saporosa e invitante.

I fichi, le mele, le pere, l'uva vi forniranno in abbondanza sostanze zuccherine e vitamine.

Le prime castagne vi porteranno una notevole quantità di idrati di carbonio, proteine vegetali, calcio, ferro, fosforo e vitamina B1.

Sul mercato riappaiono anche nocciole, noci e mandorle che, se consumate con misura, possono concludere piacevolmente il pasto e arricchire la dieta di proteine e dì grassi.

Per le verdure avete una ricchissima scelta tra pomodori (vitamina C e K), spinaci (vit. A), patate (nutrienti e leggere), zucchini, melanzane, gli ultimi fagioli, e tutte le insalate di stagione (indivia, riccia, lattuga, cicoria). Da non dimenticare i gustosissimi funghi ricchi di proteine, vitamine e sali minerali.

BASTA POCO PER ALIMENTARSI BENE

Con queste poche regole dietetiche basate sulla ripresa graduale dell'uso dei grassi nell'alimentazione, sull’accumulo di scorte vitaminiche per la stagione  fredda e su una alimentazione piuttosto ricca e nutriente grazie ai prodotti che l'autunno ci offre, potrete essere certi che per voi la stagione durerà più a lungo e sarà più facile affrontare il lungo inverno.

domenica 25 ottobre 2015

NOCI SECCHE

Per rendere morbide le noci secche, lasciatele per qualche ora immerse in acqua tiepida zuccherata o in latte.

sabato 24 ottobre 2015

MARMELLATA DI FICHI

 


Per fare questa marmellata occorre poco zucchero, grazie all'alto contenuto zuccherino dei frutti. Sbucciate dei fichi ben maturi e pesateli, calcolando poi la metà del loro peso come dose per lo zucchero. Mettete lo zucchero nello zuccotto di rame, con uno o due bicchieri di acqua a seconda della quantità di frutta, lasciando bollire per cinque minuti a fiamma alta. Unite quindi i fichi dopo averli divisi a spicchi e fate cuocere, mescolando, per mezz'ora.

venerdì 23 ottobre 2015

ECOMONDO 2015

Ecomondo è la Fiera Internazionale del Recupero di Materihttp://www.ecomondo.com/a ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile, che nel corso degli anni ha fatto registrare un progressivo successo fino a raggiungere, nell'edizione 2014, gli 85mila visitatori, le 1200 aziende ed oltre 150 convegni di approfondimenti. 

giovedì 22 ottobre 2015

GREENAPES IL SOCIAL


"NON SEI SOLO nella giungla" è il motto di "GreenApes", il nuovo social network dedicato all'ecosostenibilità. Non sei solo perché puoi contare sul resto della comunità e perché hai una forte responsabilità nei confronti di chi vive con te nella giungla. È la filosofia che ha spinto un team di esperti e una società di servizi informatici toscana a creare un social dove poter condividere idee e azioni del vivere green. "GreenApes" letteralmente significa "Scimmioni verdi". 
Tutti gli utenti che si iscrivono al social lo diventano: effettuando il login da Facebook, la piattaforma permette di scegliere tra un nickname con un'immagine del profilo da scimmia oppure quello del profilo Facebook. Poi si inizia a far crescere la propria pagina condividendo le proprie "buone azioni verdi" e altre proposte, idee e conoscenze. In questo modo si ottengono "ankoNuts", le noci di cocco che fanno guadagnare punti. Più noci di cocco si posseggono, più si sale nella classifica della sostenibilità e si vincono dei premi.






mercoledì 21 ottobre 2015

CAPELLI CON RIFLESSO


l decotto di bucce di castagne schiarisce i capelli e mantiene loro delicati riflessi dorati.

martedì 20 ottobre 2015

PROFUMO COSTOSO


Il profumo è un'essenza o un insieme di essenze pregiate sciolte in alcool. Dai fiori (rosa, mughetto, gelsomino, mimosa, geranio, lavanda, ecc.), dalle piante (arancio, bergamotto, pino, eucalipto, e molte altre), dalle erbe (origano, muschio, menta) si « rubano » gli odori, le fragranze e si mischiano in composizioni svariatissime. Ma

per estrarre queste fragranze (gli olii essenziali) e amalgamarle in un bouquet raffinato, sono necessari procedimenti complicati e costosi, oltre a una gran quantità di materie prime. Immaginate che per ottenere trenta grammi di « olio essenziale » occorrono undici tonnellate di violette! Questa « base ». ha un odore talmente forte da risultare sgradevole: per arrivare al profumo bisogna aggiungere, secondo formule segretissime, numerosi altri ingredienti e « fissare » il miscuglio, cioè fare in modo che l'aroma ottenuto non si dissolva al primo contatto con l'aria, ma permanga per un certo tempo.
Come « fissatori » si usano estratti glandolari di alcuni animali, oppure l'ambra.
Queste poche notizie vi danno già un'idea di quanto sia complicato creare un profumo. Una  volta ottenuto il prodotto, bisogna lasciarlo in riposo per un certo tempo, perché « maturi ». Il costo più o meno elevato è anche in rapporto a questa « stagionatura » (oltre che al tipo di olii che sono stati impiegati e che sono più o meno pregiati).

lunedì 19 ottobre 2015

STUOIE E BORSE IN PAGLIA

Volete sbiancare stuoie e borse di paglia ingiallite? Lavatele in acqua salatissima.

domenica 18 ottobre 2015

COSE SBAGLIATE

Una cosa sbagliata è inclinare il piatto verso di sé per raccogliere il brodo. Se proprio non si vuol rinunciare all'ultima goccia, si può inclinare il piatto verso il centro della tavola.

sabato 17 ottobre 2015

ANGINA PECTORIS

CHI COLPISCE - Questa malattia colpisce soprattutto gli uomini, più raramente le donne: è più frequente nelle classi agiate e negli intellettuali, che non tra i contadini e gli operai. Difficilmente colpisce prima del trentesimo e dopo il sessantesimo anno d'età.

venerdì 16 ottobre 2015

PULIRE IL VELLUTO


Per pulire perfettamente il velluto e le stoffe pelose, c'è una spazzolina speciale a forma di rullo, che si passa sui tessuti e trattiene polvere e peluria per mezzo di uno speciale rotolo  di carta gommata che la ricopre.
Appena la carta è sporca si strappa via il necessario e sotto si trova un nuovo strato pulito. È in vendita nei negozi di articoli casalinghi e nei grandi magazzini.

giovedì 15 ottobre 2015

SALUMI AMERICANI


II prosciutto, il lardo, la pancetta affumicata e le salsicce di ogni tipo sono i salumi più comunemente usati negli Stati Uniti.
Gli « hot-dogs » sono particolari salsicce lunghe e non troppo grosse, simili alle salsicce di Francoforte, e si mangiano in tutta l'America serviti caldissimi e spalmati di mostarda in lunghi panini morbidi tagliati a metà. Il prosciutto, nella maggioranza dei casi, costituisce una vera e propria pietanza e viene preparato caldo, steccato, con chiodi di garofano disposti a disegno regolare su tutta la sua superficie, prima di passarlo in forno dove viene regolarmente bagnato, durante la cottura, con miele diluito con sugo d'arancia o di ananasso.

mercoledì 14 ottobre 2015

IL GIOIELLIERE DI FIDUCIA


Non è affatto necessario fare acquisti favolosi, comperare diademi di brillanti o pietre grosse come nocciole, per avere il proprio gioielliere di fiducia.

Di solito davanti alla scintillante vetrina della grande gioielleria del centro ci si sente intimiditi dal nome famoso, dal negozio elegante, dall'aria distinta e terribilmente professionale dei commessi. Insomma non è facile avere il coraggio d'entrare in quei templi foderati di velluto e di specchi, con i nostri soldi faticosamente raggranellati, le nostre aspirazioni modeste, le nostre possibilità limitate.

Facciamoci coraggio e varchiamone la soglia; non accadrà nulla di terribile, anzi molto probabilmente concluderemo un buon affare. Il  gioielliere saprà consigliarci cosa scegliere, come trasformare, che cosa acquistare. Lo farà con assoluta competenza, con onestà e riservatezza.

Non si deve neppure per un attimo credere che sia là per imbrogliarci , solo perché noi non ci intendiamo affatto di gioielli. Un gioielliere serio considera il buon nome il bene più prezioso e non rischierà certo di rovinarselo per « imbrogliare » un cliente.

martedì 13 ottobre 2015

ASPIRAPOLVERE CONTRO IL CANCRO


Fare ogni giorno i lavori di casa, come spolverare, passare l'aspirapolvere, lavare i pavimenti e i panni, aiuta le donne a ridurre il rischio di ammalarsi di tumore al seno. Lo rivela uno studio condotto dagli esperti del National Cancer Institute di Bethesda, negli Stati Uniti, e pubblicato sulla rivista di ricerca scientifica Medicai News Today. Gli scienziati americani hanno esaminato per sei anni la salute e le attività quotidiane di oltre centomila donne di età superiore ai cinquanta anni, chiedendo loro di tenere un diario in cui annotare le diverse attività svolte durante il giorno: il tempo dedicato allo sport ma anche il movimento fatto in casa, durante le faccende domestiche. Gli esperti hanno così scoperto che le donne che dedicano più di sette ore alla settimana ai lavori domestici hanno una probabilità di ammalarsi di tumore al seno del 17 per cento inferiore rispetto a quelle che non fanno attività fisica È lo stesso vantaggio per la salute riscontrato nelle donne che praticano sport come tennis, ciclismo, corsa e nuoto.


lunedì 12 ottobre 2015

SALE PER STIRARE


Quando si inumidisce la biancheria prima di stirarla conviene aggiungere all'acqua un cucchiaino di sale fine; se accadesse di non poterla stirare tutta, la biancheria non assumerebbe odore di muffa, pur restando umida fino a quando la si potrà stirare.

domenica 11 ottobre 2015

MOBILI E CHIUSURA DI SICUREZZA


Nei mobili che non necessitano di chiusure di sicurezza si potranno evitare le antiestetiche serrature, munendo gli sportelli di chiusure a calamita, invisibili, praticissime ed economiche. Si applicano in un angolo interno e si aprono con un leggero strappo.

sabato 10 ottobre 2015

AMBIENTE E LAVORO

Dal 14 al 16 ottobre 2015 a Bologna: "Ambiente Lavoro - Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro"
Si svolgerà dal 14 al 16 ottobre 2015 a Bologna il salone fieristico "Ambiente Lavoro - Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro".

Dopo il successo della scorsa edizione con oltre 14 mila visitatori e 8.642 partecipanti alle attività formative (dei quali il 98,4%, secondo i dati CustomerSatisfation, si è dichiarato soddisfatto delle tematiche trattate e il 96,6% della qualità dei relatori intervenuti), torna presso il polo fieristico di Bologna, dal 14 al 16 ottobre 2015, l'appuntamento con Ambiente Lavoro, l'unico salone fieristico italiano dedicato alla promozione della salute e del benessere sul posto di lavoro.

La manifestazione, organizzata da Senaf, che da oltre 20 anni rappresenta il punto di riferimento per gli addetti del settore, oltre a concentrarsi come di consueto sui temi della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro, quest'anno propone un'offerta allargata in una prospettiva di più ampio raggio, riservando particolare attenzione a due materie specifiche: la sicurezza ambientale, intesa come approccio trasversale verso tutti quei fattori di rischio per i lavoratori e per l'ambiente esterno, e la promozione del benessere lavorativo che abbraccia tutte quelle misure volte non solamente alla difesa della salute del lavoratore, ma anche a rendere il luogo di lavoro più piacevole e confortevole

venerdì 9 ottobre 2015

MULTE SE NON RISPETTI L'AMBIENTE

Multe salate per chi, dal primo ottobre, non rispetta l'ambiente
Il Comune di Parigi dichiara guerra ai piccoli gesti di inciviltà. Dal primo ottobre, infatti, chi getta per terra una gomma da masticare, ma anche una cicca di sigaretta o un pezzo di carta, sarà punito con una multa di 68 euro. 

L'amministrazione parigina ha infatti deciso di rincarare le sanzioni, già previste ma limitate finora a 35 euro. Secondo quanto riporta Le Parisien, nel 2014 sono state fatte più di 25.000 contravvenzioni da parte di un centinaio di ispettori sanitari. Attualmente, questi ispettori stanno distribuendo multe false per educare i cittadini alla nuova misura. Per quanto riguarda i mozziconi di sigaretta, il quotidiano ricorda che nelle strade di Parigi sono stati piazzati più di 30mila bidoni per i rifiuti dotati di portacenere e sono stati distribuiti nel periodo estivo più di 15mila posacenere portatili. Ogni anno, infatti, nella sola Parigi vengono raccolte oltre 350 tonnellate di mozziconi.

E in Italia? Dal primo luglio è vietato anche da noi gettare per terra gomme da masticare e cicche di sigaretta, con multe che variano da 30 a 150 euro, secondo quanto previsto dal "ddl Green Economy" collegato alla Legge di Stabilità 2014. Ma nelle nostre città è molto più raro incontrare un vigile che infligga una multa al cittadino incivile. Né sono state fatte campagne pubbliche ad hoc per sensibilizzare la popolazione.

I costi per ripulire le strade dalle gomme. Sebbene sia stato ingiustamente trascurato, il problema dell'inquinamento da "cicche" è reale. Basti citare un po' di numeri. Secondo l'Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori), in Italia rimuovere 1 gomma da masticare dall'asfalto costa 1 euro e il tempo richiesto dall'operazione è pari a 2 minuti. 

Cinque anni invece è il tempo di smaltimento effettivo per quella maleducazione sputata dalla bocca di molta gente che diventa una macchia nera sui marciapiedi. "In Italia si consumano circa 23mila tonnellate di gomme da masticare - spiega Primo Mastrantoni, segretario Aduc - se tutti gettassero per terra la gomma il costo per raccoglierla arriverebbe alla iperbolica cifra di 23 miliardi di euro che, ovviamente, non si spendono per la semplice ragione che fortunatamente non tutti i consumatori gettano la gomma per terra e, soprattutto, perché i Comuni non si sognano di raccoglierle. Il solo Comune di Roma, è stato calcolato, se avesse intenzione di ripulire strade e marciapiedi dalle gomme spenderebbe circa 5 milioni di euro l'anno".

giovedì 8 ottobre 2015

DENTI

Per mantenere i denti sani è utile mangiare il più spesso possibile carote e mele, crude e intere.
Per evitare la carie è utile prendere quotidianamente per via orale piccole dosi di fluoro.
Per sbiancare i denti giova strofinarli una volta la settimana con cenere di sigaro.

mercoledì 7 ottobre 2015

GRAND TOUR EXPO DEI POPOLI

Un road show per dar voce ai movimenti contadini del mondo

Dopo il successo del forum internazionale di Milano, con oltre 180 delegati di movimenti contadini e reti di ONG di tutto il mondo riuniti per confrontarsi sui problemi della filiera agroalimentare globale, Expo dei Popoli torna alla ribalta con una manifestazione itinerante lungo la penisola per tutto il mese di ottobre.
Si tratta del Grand Tour di Expo dei Popoli: otto tappe - Genova, Torino, Bologna, Senigallia, Firenze, Oristano, Palermo, Napoli - per portare da Nord a Sud, a bordo di due pulmini T2, la voce dei popoli contadini italiani e del mondo.
I pulmini di Expo dei Popoli approderanno nelle piazze, nei mercati bio e nelle aziende agricole sostenibili che incontreranno lungo il percorso, animando ciascuna tappa del Grand Tour con una serie di originali eventi.
Punto fermo di ogni sosta sarà la mostra di fumetti di BeccoGiallo, casa editrice specializzata nella produzione di fumetti d'impegno civile. Un'esposizione nata per raccontare attraverso un linguaggio semplice e immediato il Manifesto finale di Expo dei Popoli: 10 strategie per "nutrire" il pianeta in modo sostenibile.
Ciascuna tappa avrà uno speakers' corner, dove donne e uomini che ogni giorno lavorano nel rispetto della terra e delle relazioni umane che intorno ad essa si costruiscono porteranno la propria testimonianza. Tra una città e l'altra, inoltre, i pulmini del Grand Tour di Expo dei Popoli sosteranno in alcune fattorie e aziende di agricoltura biologica, dove il pubblico potrà riscoprire la magia del cinema all'aperto con proiezioni di film e documentari in tema di buone pratiche e sostenibilità.

martedì 6 ottobre 2015

BOMBOLETTA PER PNEUMATICI


In automobile portate sempre con voi una bomboletta che sarà preziosa in caso di foratura di pneumatici. Si applica la bomboletta alla valvola del pneumatico che si gonfierà nuovamente; nello stesso tempo  una sostanza speciale ostruirà  il foro, se piccolo e se il pneumatico non presenta lacerazioni, e vi permetterà di proseguire per altri 40/50km., o almeno  di raggiungere la più vicina autorimessa, dove riparare la foratura.  

lunedì 5 ottobre 2015

CIPRIA E ROSSETTO

Per non sporcare con cipria e rossetto gli abiti quando ve li togliete, copritevi il viso e la testa con un vecchio foulard, che vi permetterà anche di non scomporre la pettinatura. 

domenica 4 ottobre 2015

MITIGARE LA SETE

Per mitigare la sete preferite le bevande amare, che vi toglieranno il senso di arsura, stimolando le ghiandole salivari.

venerdì 2 ottobre 2015

LIBRERIA A COLONNA


Se nel vostro appartamento c'è una colonna (o un pilastro) con funzioni di sostegno, potrete trasformarla in un elemento decorativo e insieme funzionale dell'arredamento facendola rivestire di legno sul quale saranno fissate a varie altezze delle mensole. Su queste disporrete con gusto libri alternati a soprammobili.

Accanto a questa originale libreria potrete porre una comoda poltrona e una lampada a stelo. Meglio ancora se farete inserire sulla colonna stessa due o tre faretti orientabili, in stile antico o moderno secondo il tono del vostro arredamento.

giovedì 1 ottobre 2015

FRULLARE A CALDO


Se dovete frullare qualcosa di caldo state attente a non inserire subito il contatto elettrico. Il vapore, dilatandosi, spingerebbe via violentemente il coperchio e parte del contenuto del frullatore. Lasciate invece riposare un minuto o due, poi togliete il coperchio, fate uscire l'aria calda, quindi frullate adagio, tenendo chiuso con una mano l'apparecchio per maggior prudenza.