mercoledì 30 settembre 2015

IL SORRISO


Un bel sorriso è un dono di natura, lo si ha o non lo si ha. Vero, verissimo, però... un bel sorriso è anche una conquista, ottenuta magari con l'aiuto del dentista. Non è la stessa cosa, dite? Ma non andate forse dal parrucchiere, dal medico, ecc.?

E allora, perché non si dovrebbe ricorrere a una bella protesi, se ve ne fosse bisogno?

Quello che conta è che il risultato sia soddisfacente, per voi e per gli altri , giacché niente è più piacevole di un bel sorriso.

E poi, un momento. Alla protesi si ricorre quando i denti sono proprio brutti. Negli altri casi i difetti possono addirittura trasformarsi in un vezzo, in una caratteristica personalissima e irresistibile.

Un dentino accavallato, gli incisivi un po' larghi (denti radi, fortuna spessa, ricordate?), i canini decisamente aguzzi possono diventare uno dei punti di forza del vostro fascino, possono costituire la nota spiritosa e personale del vostro viso.

Quello che conta, quello che è fondamentale e inderogabile, è l'igiene perfetta, scrupolosa, addirittura pignola della bocca.

Per avere un bel sorriso « da grandi » è necessario preoccuparsi della bocca « da piccoli », dalla prima infanzia. I bambini, a cominciare dai tre anni, devono essere costretti a lavarsi i denti dopo ogni pasto (ci sono, appositamente per loro, dentifrici al sapore di frutta o di caramella, gradevolissimi), affinché questa importantissima regola igienica diventi un'abitudine alla quale non si sa più rinunciare. L'igiene, non dimenticatelo, assicura la salute, e dei denti scrupolosamente puliti, chiari, sanissimi sono di per sé già belli, anche se l'allineamento non è perfetto, anche se la forma o la disposizione lasciano un po' a desiderare.

Denti sani significano, inoltre, digestione perfetta e, quindi, perfetta funzionalità dello stomaco, del fegato, dell'intestino.

lunedì 28 settembre 2015

PROVE APERTE DELLA FILARMONICA DELLA SCALA

Dopo il successo delle scorse stagioni, torna l'appuntamento con “Filarmonica della Scala Prove Aperte”, un'occasione unica per assistere alle prove di quattro concerti che l’Orchestra ha in programma per il 2016 al Teatro alla Scala e al tempo stesso sostenere quattro organizzazioni non profit radicate sul territorio milanese. La settima edizione dell’iniziativa è stata presentata a Palazzo Marino alla presenza del Sindaco Giuliano Pisapia, dell’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno, del Presidente della Filarmonica della Scala Federico Ghizzoni, del Presidente di UniCredit Foundation Maurizio Carrara e del Direttore artistico della Filarmonica Ernesto Schiavi. Grazie al Main Partner UniCredit e al contributo di UniCredit Foundation, l'intero ricavato di questa edizione delle Prove Aperte sarà destinato a sostenere la ricerca scientifica condotta da quattro enti milanesi di rilevanza internazionale. L’iniziativa è resa possibile anche grazie alla collaborazione con il Teatro alla Scala e i media partner ViviMilano e Radio Popolare. Acquistando il carnet - in vendita da oggi - il pubblico potrà assicurarsi il medesimo posto per assistere alle quattro Prove, sempre precedute dall’introduzione di un esperto musicale. Dopo l’anteprima gratuita aperta alla città dell’8 novembre, che vedrà salire sul palco del Piermarini il maestro Riccardo Chailly, domenica 17 gennaio il Maestro Ottavio Dantone, accompagnato dal mezzosoprano Roberta Invernizzi e dal contralto Delphine Galou, guiderà la Filarmonica della Scala a favore della Fondazione IEO-CCM. Alla Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta saranno devoluti i fondi raccolti durante la prova di domenica 14 febbraio, diretta dal Maestro Daniel Harding con la presenza del violino Leonidas Kavakos. Il maestro Daniele Gatti guiderà invece la Filarmonica domenica 6 marzo a sostegno della Fondazione Centro San Raffaele. Chiuderà l’edizione 2016 la prova di domenica 10 aprile diretta dal maestro Fabio Luisi accompagnato al violino da Sergej Krylov, il cui ricavato andrà a favore della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori.
Tutte le prove si terranno alle ore 19.30.

domenica 27 settembre 2015

PULIAMO IL MONDO

https://www.facebook.com/media/set/?set=oa.937839936282734&type=1

La nostra sezione di Città di Opera, questa mattina ha contribuito alla giornata dedicata PULIAMO IL MONDO.  Precisamente il tratto della ciclopedonale di Opera che porta dalla C.R.I all’Abbazia di Mirasole….. il nostro campo di allenamento.
 Approfittiamo per fare un appello a tutte quelle persone che escono da casa per andare a fare una camminata o a correre portando con sé: bottigliette d’acqua, fazzolettini, sigarette e cani, pregandole di riportarsi a casa le bottigliette vuote, i fazzolettini sporchi, i mozziconi di sigarette e le eiezioni dei propri cani.
Solo così possiamo apprezzare al meglio la natura che ci circonda.

Un saluto e una buona corsa a tutti.

sabato 26 settembre 2015

PULIAMO IL MONDO

    

                                                                                             









Dal 25 al 27 settembre 2015 torna "Puliamo il Mondo", la più importante campagna internazionale di volontariato ambientale, che ogni anno coinvolge milioni di volontari di tutto il mondo in azioni concrete ed efficaci a favore dell'ambiente.

Si tratta dell'edizione italiana di "Clean up the world" (www.cleanuptheworld.org), nata a Sydney nel 1989, che coinvolge ogni anno oltre 35 milioni di persone in circa 120 Paesi. Dal 1993 Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia.

venerdì 25 settembre 2015

QUANTO COSTA UNA TAZZINA DI CAFFE'

Il prezzo di un caffè è quello praticato dai baristi, ma solo dal nostro punto di vista: al pianeta una singola tazza costa 140 litri d'acqua, più 0,1 metri quadrati di terreno, più le perdite di foreste e biodiversità.

I ricercatori dell'università del Kansas hanno esaminato il modo in cui la produzione di massa ha colpito la natura e le risorse economiche degli agricoltori. In nazioni come Colombia, Honduras, Guatemala, Brasile, Vietnam ed Etiopia, negli anni Settanta e Ottanta si è verificata una tecnicizzazione della produzione di caffè, volta a soddisfare la crescente domanda dell'Occidente.

Questo processo, spiegano gli studiosi, ha reso i sistemi di coltivazione simili a quelli di frumento e soia: grandi campi soleggiati hanno preso il posto dei piccoli appezzamenti di terra all'ombra delle foreste; la varietà robusta, resistente al sole, ha preso il posto della più pregiata arabica; gli agricoltori sono stati spinti a coltivare esclusivamente caffè senza diversificare colture e fonti di reddito.

La differenza tra i due metodi è innanzitutto nel consumo d'acqua: le nuove colture intensive, dalla resa maggiore, hanno un fabbisogno molto più elevato, tanto che per una singola tazza di caffè si possono calcolare 140 litri di impronta idrica, ossia di acqua necessaria alla produzione. A confronto una tazza di tè richiede 29 litri e un quinto del terreno agricolo, stando al rapporto recentemente diffuso da "Friends of the Earth".

Non solo: per far posto alle piantagioni di caffè è stata portata avanti una massiccia deforestazione, che il Wwf alcuni anni fa ha quantificato in oltre 10mila km quadrati solo in America centrale, con conseguenze anche sulla biodiversità. Gli effetti delle deforestazione sono stati indagati l'anno scorso dai ricercatori dell'università del Texas: uccelli migratori e pipistrelli hanno perso il loro habitat, le api sono andate via e con loro la preziosa impollinazione, l'ecosistema ha rinunciato ai filtri che depurano aria e acqua, il terreno si è fatto meno ricco di nutrienti e meno resistente alle piogge.

All'impoverimento della natura si è affiancato quello dei coltivatori di caffè, complice il costante calo del prezzo della materia prima. Unico segnale positivo, il commercio equo che sta aiutando gli agricoltori poveri dei Paesi in via di sviluppo.



giovedì 24 settembre 2015

PULIRE PENTOLE SMALTATE


Per pulire le pentole in cui siano rimasti segni di bruciaticcio resistenti a ogni detersivo e per togliere la patina scura lasciata a lungo andare dai cibi nei tegami di ferro smaltato basterà farvi bollire dell'acqua con un cucchiaio di perborato di sodio per litro. Si farà bollire a coperchio chiuso fino alla sparizione delle macchie.

mercoledì 23 settembre 2015

COTTURA RAPIDA DEI LEGUMI


I legumi secchi cuoceranno più rapidamente se verranno immersi la
sera in acqua bollente e se il giorno successivo si aggiungerà all'acqua di cottura un cucchiaio d'olio d'oliva.

martedì 22 settembre 2015

DIGESTIONE DEL LATTANTE


La digestione nell’intestino.

Dopo essere stata in parte digerita parte digerita nello stomaco, la parte solida passa nell'intestino tenue. Qui incontra la bile prodotta dal fegato; essa forma con i grassi una miscela piuttosto fine, che rappresenta il primo passo verso la loro assimilazione. Ecco perché se il fegato funziona poco e quindi produce poca bile, la digestione dei grassi è più difficoltosa. Nella 'prima parte dell'intestino aprivano

anche i preziosi fermenti fabbricati dal pancreas. Uno di essi porta avanti la digestione della caseina iniziata nello stomaco e trasforma l'albumina in sostanze più semplici, altri due provvedono alla scomposizione degli zuccheri, un altro infine trasforma i grassi in acidi grassi.

Gli acidi grassi si uniscono al sodio e al potassio contenuti nella bile, diventando così solubili e utilizzabili dall'organismo.

E quel cucchiaino di farina tostata? Normalmente la prima tappa della digestione dei farinacei è la saliva; ma nel lattante essa è scarsa, serve appena a tenere pulita e disinfettata la bocca; perché serva come fermento digestivo, bisogna aspettare che nascano i primi dentini, che qualche pezzetto di biscotto venga girato e rigirato in bocca. Nei primi mesi di vita, i fermenti capaci di scomporre le farine (sia quelle di grano sia quelle di riso) sono scarsi e si trovano tutti a livello dell'intestino.

Ecco perché le farine devono essere somministrate, al lattante con parsimonia.

Il lavoro della digestione non si ferma qui. Tutta quest'azione « demolitrice > viene anche favorita dal succo enterico, che è prodotto dalla mucosa intestinale. Alla fine tutti i componenti del pasto sono ridotti nella loro forma più semplice e sono pronti per essere assorbiti.

lunedì 21 settembre 2015

MACCHIE DI ROSSETTO

Per togliere le macchie di rossetto dagli indumenti di lana dovete sovrapporre alla macchia un batuffolo di cotone imbevuto di etere e tamponare sino all'eliminazione del colore del rossetto. L'eventuale alone scomparirà con la lavatura. 

domenica 20 settembre 2015

LAVAGGIO CRISTALLERIE


Coppe, bicchieri e altri oggetti di cristallo si lavano in acqua e detersivo o sapone e si sciacquano, per accrescerne la brillantezza, in acqua fresca e aceto.
Per togliere dal fondo delle brocche, delle bottiglie (siano di cristallo o di vetro) i depositi calcarei introducetevi un guscio d'uovo frantumato e un bicchiere d'aceto; agitate energicamente, lasciate riposare qualche ora poi sciacquate.

sabato 19 settembre 2015

DISCREZIONE CORRISPONDENZA


— Nulla autorizza a leggere una lettera indirizzata ad altri, e tanto meno ad aprire una busta per conoscere i l contenuto. Anche tra fratello e sorella, parenti e intimi amici, bisogna rispettare in questo campo la discrezione più assoluta.

— È indiscreto parlare di argomenti privati, scrivere frasi appassionate o confidenze di ogni tipo su cartoline illustrate  che possono essere lette da innumerevoli persone (poco discrete), prima che dall'interessato.

venerdì 18 settembre 2015

SPOSINI CONTRO RAI


Lamberto Sposini, 63 anni, giornalista ha presentato ricorso in Appello contro la Rai, alla quale chiede un risarcimento di 10milioni di euro. Sposini sostiene che i soccorsi furono inadeguati, peggiorando la situazione. Il giornalista ha già perso in primo grado, perché il giudice ha ritenuto che né i medici della Rai né i primi soccorritori  siano responsabili di non avere compreso la gravità della situazione, visto che in uno studio TV non ci sono le necessarie attrezzature mediche.

giovedì 17 settembre 2015

REGINA ELISABETTA


La regina Elisabetta, 89 anni, è entrata nella leggenda: è la sovrana che più a lungo ha regnato sull'Inghilterra. Nei giorni scorsi infatti ha superato il record stabilito dalla regina Vittoria, che regnò per sessantatré anni e duecentodiciassette giorni, dal 1837 al 1901. E ora Elisabetta, che è diventata regina nel 1952, ha superato il record della sua trisavola. La regina non ha festeggiato questo primato e ha trascorso il giorno che ha segnato il suo record, il 9 settembre, inaugurando una nuova linea ferroviaria in Scozia.

mercoledì 16 settembre 2015

WANNA MARCHI VENDE QUADRI


Wanna Marchi, 73 anni, ex televenditrice condannata a nove anni e sei mesi per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, è diventata pittrice. La Marchi, che dal 2011 è in semilibertà e che terminerà di scontare la pena a ottobre, ha partecipato all'appuntamento domenicale dei pittori sul Naviglio Grande a Milano, dove ha messo in vendita i suoi quadri con prezzi da duecento a duemila euro.

martedì 15 settembre 2015

UNA VIA DEDICATA AL GRANDE MIKE


Il  Comune di Milano ha deciso di dedicare una via a Mike Bongiomo, il celebre conduttore scomparso a 85 anni l'8 settembre 2009: la via che è stata scelta è una strada pedonale nella zona di Porta Nuova, dove ci sono i grattacieli costruiti da poco. Ha detto il sindaco di Milano Giuliano Pisapia: «Mike ha sempre avuto Milano nel cuore, la città in cui ha vissuto per decenni: intitolargli una via è un doveroso omaggio a un protagonista della storia del nostro Paese.

lunedì 14 settembre 2015

ALZHEIMER

       

Settembre è il Mese Mondiale Alzheimer, per questo nei prossimi giorni due grandi eventi vedranno protagonista la Federazione Alzheimer Italia.
Il primo è il convegno a ingresso libero e gratuito RICORDATI DI ME - Gli ultimi dati della ricerca scientifica alla luce della Dementia-friendly Community, che si terrà mercoledì 16 settembre, dalle ore 9 alle ore 13, a Milano presso la Sala Alessi di Palazzo Marino (piazza della Scala 2).
Organizzato dalla Federazione in collaborazione con UNAMSI (Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione) e Fondazione Golgi Cenci, l'appuntamento vedrà la partecipazione di relatori di fama internazionale (per conoscere il programma www.alzheimer.it; per confermare la presenza 02 809 767 o info@alzheimer.it).
La seconda iniziativa è "Un salto per l'Alzheimer", un originale progetto di crowdfunding ideato da Fabio Marelli, speaker di Discoradio.
Fino al 30 settembre andando sulla piattaforma buonacausa.org chiunque potrà donare un euro, o anche di più, per sostenere la Terapia Occupazionale dedicata ai malati di Alzheimer e ai familiari per migliorare la loro qualità di vita. Un servizio offerto dall’Associazione Alzheimer Milano insieme alla Federazione Alzheimer Italia.
La raccolta fondi mira al raggiungimento di un primo obiettivo di 5.000 euro, conseguito il quale Fabio offrirà ai sostenitori - come buona norma del crowdfunding impone - qualcosa in cambio. Una prova di coraggio: un salto con il paracadute in tandem con un istruttore esperto, durante il quale Fabio ringrazierà simbolicamente ogni singolo donatore. Il lancio sarà quindi una metafora della malattia di Alzheimer: l’affidarsi di una persona in totale fiducia nelle braccia e nelle cure di un’altra. Con 5.000 euro di raccolta, nello specifico, sarà possibile sostenere il servizio di Terapia Occupazionale per 4 famiglie al mese, un totale di 48 famiglie l’anno.

sabato 12 settembre 2015

ABBAZIA DI MIRASOLE IN MUSICA

Dal 28 settembre al 15 ottobre.
 
Per la seconda volta, abbiamo l'immenso piacere di accogliere, grazie all’Associazione Musicale Florestano-Eusebio, una serie di quattro bellissimi concerti. Certo, questo programma dà spazio a Mozart e a Beethoven, che hanno portato la musica da camera al suo vertice, ma sono rimasto contentissimo di trovare, nel corso di quattro serate, non meno di dieci compositori.
Questa varietà ci permetterà forse di aprire l'orecchio ed il cuore a brani meno conosciuti se non addirittura mai sentiti. Faremo un vero viaggio sonoro. Dal Giappone di Tom Takemitsu - un compositore che ha passato la sua vita ad abbinare oriente ed occidente - all'Estonia di Arvo Pàrt o alla Norvegia di Grieg, passando per l'America di Barber o di Charles Ives.
Ma c'è ovviamente un viaggio ancora più interessante.
Parlo del viaggio spirituale che la musica, nata sempre da un'esperienza profonda, ci fa vivere. Da Mozart a Britten o Pàrt, tutti hanno cercato, tramite la loro musica, la vera fonte di tutte le bellezze. Non è irrilevante che questi tre compositori fossero stati grandi ammiratori del canto gregoriano, la musica degli angeli.
Il 15 ottobre ascolteremo lAdagio di Samuel Barber. Questa composizione venne eseguita per la prima volta nel 1938, da un'orchestra diretta da Arturo Toscanini, il quale, del resto, non era molto appassionato di musica americana. Alla fine della prima prova dellAdagio, Toscanini si fermò e disse: "Semplice e bello". Chi di noi non desidera che la melodia della propria vita non sia trovata un giorno "semplice e bella", da Colui che conduce la musica di tutte le anime?
P. Dominique-Marie Dauzet O.Praem.
 
 
 
 
 

giovedì 10 settembre 2015

RAEE ILLEGALE

Secondo un interessante studio Countering WEEE Illegal Trade 6,2 milioni di apparecchi elettrici ed elettronici dei 9,5 milioni totali prodotti nel 2012 nei 28 Paesi dell'Ue più Norvegia e Svizzera (cioè il 65%), sono finite nella spazzatura o sono state esportate o riciclate in modo non corretto, Invece di finire nei centri di raccolta appositi per un riciclo corretto.

Questo ha comportato la perdita, per l'industria legale, del riciclo di metalli preziosi come oro e argento, per un valore stimato fra 800 milioni e 1,7 miliardi di euro all'anno.

Lo studio Countering WEEE Illegal Trade ha indagato per due anni nel mercato dell'usato e dei rifiuti di apparecchi elettrici e elettronici (RAEE). Coordinato dall'Interpol lo studio ha coinvolto United Nations University (UNU), United Nations Interregional Crime and Justice Research e Compliance & Risks, ed è stato finanziato dall'Unione europea.

Vediamo i principali risultati di questo studio. Solo il 35% (3,3 milioni di tonnellate) di RAEE finisce nei centri ufficiali di raccolta e riciclo. L'Italia spicca e in questa pratica si piazza agli ultimi posti con poco più del 20%, appena prima di Romania, Spagna e Cipro. Tra i paesi più virtuosi, Svezia e Norvegia con circa l'85% di riciclo. 

In Europa la gestione non corretta dei RAEE riguarda circa 4,7 milioni di tonnellate di apparecchi, una quantità 10 volte superiore a quella spedita verso Paesi stranieri senza regolari documenti di esportazione. Delle 1,3 milioni di tonnellate esportate fuori Europa senza documenti regolari, 400 mila tonnellate (il 30%) era costituto da RAEE, il restante 70% erano invece apparecchiature funzionanti.

La gestione non corretta dell'e-waste comporta oltre ai danni economici anche pericoli per la salute: uno studio del 2014 dell'Università delle Nazioni Unite aveva avvertito sui rischi di cancro, danni epatici e renali e problemi dello sviluppo mentale legati ad alcune sostanze tossiche presenti nei Raee, come mercurio e piombo.

Anche se non si hanno prove certe, gli studiosi sospettano il coinvolgimento del crimine organizzato nella gestione dei RAEE in alcuni Paesi, dato che questa forma di commercio illegale può generare profitti e viene difficilmente scoperta.

Per combattere questa forma di commercio illegale David Higgins, capo del Environmental Security Sub-Directorate di Interpol e coordinatore del progetto, proponeva una maggiore prevenzione da parte dei Governi nazionali attraverso l'adozioni di specifiche sanzioni amministrative e penali.







mercoledì 9 settembre 2015

INVOLTINI DI UOVA SODE


 
Una ricetta economica, facile e gustosa: gli involtini di uova sode

• Preparate una besciamella con due cucchiai di farina, 20 grammi di burro, sale e due bicchieri di latte.
• Lasciate raffreddare e intanto fate cuocere cinque uova per 6-7 minuti.
• Raffreddatele immergendole in acqua fredda, sgusciatele e tagliatele a piccoli dadi.
• Mescolate i dadini con la besciamella e fatene delle polpettine. Passatele poi nel pangrattato.
• Friggete in burro abbondante.
• Potete servire gli involtini accompagnandoli con una salsa di pomodoro densa, con insalata verde o con una salsa di funghi.

martedì 8 settembre 2015

LAMPADARI DA PULIRE


Il sistema più pratico per pulire i lampadari......
di ferro battuto: spolverare col pennello, poi passare un altro pennello intinto in olio di lino;
... di bronzo o metallo dorato: spolverare, lucidare con panno « chimico » apposito (si compra nei negozi di articoli casalinghi), eventualmente spruzzare poi la vernice-spray per proteggere i metalli;
... di cristallo: spolverare con pennello o piumino, poi passare un panno imbevuto in alcool.
Da non dimenticare: in ogni caso e prima di tutto, togliere la corrente, poi svitare e spolverare le lampadine.

lunedì 7 settembre 2015

MANTENIMENTO LAVATRICI

Molto utile per il buon mantenimento delle lavatrici, pulirle ogni tanto un lavaggio a vuoto.

domenica 6 settembre 2015

LETTI PER BAMBINI


Andare a dormire può diventare per i bambini un divertimento. Basterà un poco di fantasia nella scelta della forma e della sistemazione del letto ed essi si infileranno sotto le coperte senza capricci. Per i più piccini sono simpaticissimi le culle o i lettini in giunco o malacca: sono leggeri, facilmente spostabili e non temono lo sporco.

Per i più grandi, invece, preferite i letti divani ricoperti di tessuti a colori vivaci, o i letti in metallo, in tek, in vimini. Nel caso di due fratellini potete scegliere i letti sovrapposti, come quelli dei « marinai », con la scaletta per raggiungere quello superiore.

È una soluzione conveniente anche dal punto di vista pratico perché permette di sfruttare al massimo lo spazio; la sicurezza contro le cadute è garantita dalle spondine di cui sono provvisti.

sabato 5 settembre 2015

CLASSI ENERGETICHE

 


 
                            
E' in arrivo una revisione delle classi energetiche di frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie su proposta dell'esecutivo dell'Unione Europea. La tecnologia avanza e a luglio il commissario  europeo all'energia e al clima, Miguel Arias Canete ha annunciato che proporrà la revisione della direttiva sull'efficienza energetica.
La dicitura sulle etichette di questi elettrodomestici dovrebbe ritornare alle semplici classi dalla A alla G, con i colori diversi, dal verde al rosso. Il cambio non farà altro che riposizionare i prodotti nelle classi energetiche, per evitare di acquistare un prodotto spacciato come efficiente, quando il primo della stessa classe è di gran lunga migliore.
Nel 2010, quando è stata introdotta l'etichettatura sull'efficienza nel risparmio energetico, sono state aggiunte le tre tipologie A+, A++ e A+++ per rispondere alla saturazione delle classi superiori. Nel momento in cui sono stati immessi nel mercato elettrodomestici di nuova generazione, però, secondo gli ambientalisti si sarebbe dovuta mantenere la classificazione A-G, facendo scalare di conseguenza i prodotti dalla A in giù. Le aziende si sono opposte in quanto passare da A a B, o C, o peggio, avrebbe danneggiato, secondo loro, in termini di immagine, ma anche commerciali, i produttori.
E' stato scelto di utilizzare i "+", con i quali alcuni consumatori possono dare per scontato che la "A" davanti significhi efficienza. Ecco un esempio: un frigorifero efficiente è in classe A. Esce sul mercato un nuovo frigorifero, più efficiente. Il primo dovrebbe scendere in classe B. Invece con le normative dei "+" è il secondo a ottenere A+, mentre quello più vecchio rimane in classe A. E così di conseguenza fino ad A+++.
Questo significa che oggi, nonostante la dicitura A+, un frigorifero non è affatto efficiente, sempre in termini di risparmio energetico, e dovrebbe invece avere la classe B o C. Secondo le stime, infatti, un A+ consuma il 41% in più rispetto a un A+++ (praticamente la differenza che corre tra A e C). Chi compra A+, insomma, non compra affatto l'efficienza energetica. Non a caso per ottenere le detrazioni fiscali del bonus 'Arredi' bisogna acquistare un elettrodomestico di classe non inferiore alla A+.
Secondo l'European Environmental Bureau, l'associazione ambientalista che riunisce 140 organizzazioni in Europa, fra cui Legambiente, nei prossimi tre anni grazie a queste nuove direttive le famiglie potranno risparmiare quasi 400 euro dalla bolletta annuale.

venerdì 4 settembre 2015

VISITE DI SPOSINI


E’ consuetudine che, al ritorno dal viaggio di nozze, una coppia di sposi vada a far visita ai parenti e agli amici, sia per completare la presentazione e la familiarizzazione del coniuge, sia per ringraziare dei doni ricevuti. Naturalmente si annuncino con una telefonata, possibilmente qualche giorno prima. La visita deve essere breve, gaia e cordiale. I parenti evitino domande indiscrete, gli sposi non tubino troppo.

giovedì 3 settembre 2015

TURISMO VERDE


Sono stati presentati da Vivilitalia e Legambiente, in occasione di Festambiente, i primi dati della stagione turistica 2015 che confermano il successo per il turismo GREEN. Crescono gli italiani che per le loro vacanze preferiscono il turismo ecologico: + 10% in più rispetto allo scorso anno.
I primi quattro mesi del 2015 mostrano una crescita rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente  sia degli arrivi (+2,3%) che delle presenze (1,8%) , l'attenzione verso l'ambiente è ormai un atteggiamento comune e non solo una "moda di pochi", la sostenibilità una precondizione di ogni tipo di turismo.
Il 54% dei turisti  pianifica un viaggio ponendosi il problema di fare scelte che non danneggino l'ambiente. Un'esigenza cresciuta negli ultimi anni che spingerebbe il 50% a dichiararsi disponibile a pagare tra il 10 e il 20% in più pur di fare vacanze sostenibili. Le prime stime fanno registrare la quota record di 2,3 milioni di cicloturisti che soggiorneranno in Italia quest'anno mossi da questa passione per un totale di  13 milioni di pernottamenti, in crescita del 5% rispetto al 2014.
Gli italiani orientano le loro scelte verso viaggi a piedi con +20 rispetto gli ultimi tre anni. Mentre sono diventati 5 milioni i praticanti di Nordic Walking, la pratica di passeggiata con le racchette importata dai paesi scandinavi.
Ottimi riscontri anche dai principali tour operatori specializzati: Walden viaggi , leader delle vacanze a piedi, dichiara un +20% rispetto agli anni precedenti; per Jonas Vacanze l'estate 2015 si chiuderà con un +10% rispetto lo scorso anno , mentre Four Seasons fa registrare un +8/9% e il tutto esaurito per i viaggi natura programmati per il mese di agosto. Successo anche per chi sceglie di viaggiare all'insegna del treeking con un crescita del 5% rispetto lo scorso anno sia per chi sceglie il gruppo che chi preferisce la formula in libertà, secondo quanto dichiarato da Zeppelin, il tour operator specializzato nel settore. Infine Girolibero, il tour operator per le vacanze in bicicletta, ha registrato un incremento del volume d'affari del 10% rispetto lo scorso anno.
Inoltre, da uno studio realizzato dalla società di marketing Barometro, emerge che a parità di prezzo il 68% degli italiani preferisce una struttura a basso impatto ambientale. Il 27,3% la sceglie sempre e comunque. Questo significa che se un albergo investe nel risparmio energetico, nella bioedilizia e nelle fonti rinnovabili ha molte più probabilità di essere scelto.
Le vacanze hanno un carattere sempre più verde e chi ha investito e ci ha creduto ora raccoglie i risultati in termini economici, ambientali e sociali. La sensibilità e le esigenze dei turisti sta cambiando. C'è una maggior consapevolezza che porta a scegliere di viaggiare in modo più green, fare un'esperienza che fa bene a loro ma anche all'ambiente.
Sebastiano Venneri, responsabile Innovazione e Territorio di  Legambiente, evidenzia che "L'Italia ha già perso troppi treni per rilanciare il suo turismo: il tema ambientale è l'unica chiave dotata di un sufficiente margine di competitività per potersi definitivamente accreditare a livello internazionale come paese della bellezza e della sostenibilità, perché la bellezza da sola ormai non basta più".

mercoledì 2 settembre 2015

LA PISTA DI PIETRO

L'ospite di oggi è Nicolas Meletiou, presidente di GOGREEN onlus e fondatore del progetto esosport.
Ci parla del bellissimo progetto “La Pista di Pietro” (ispirato a Pietro Mennea) e i “Giardini di Betty”.
(
http://www.esosport.it/la-pista-di-pietro.asp)
L'iniziativa si propone di realizzare nuove piste di atletica utilizzando come materiale da costruzione la gomma delle scarpe da ginnastica esauste opportunamente trasformate: le vecchie sneakers si trasformano in pista di atletica oppure diventano pavimenti anti caduta per le aree giochi dei bambini.
Ascoltalo qui:
http://bit.ly/1p9z13E

martedì 1 settembre 2015

PANE RAFFERMO

Il pane raffermo è l'alimento più versatile di tutti. Quasi quasi varrebbe la pena farlo invecchiare per poi utilizzarlo golosamente in tutte le preparazioni che la nostra cucina tradizionale, in tutte le regioni, prevede. A parte il banale pangrattato (che si ottiene facendo tostare il pane raffermo in forno e poi tritandolo), con il pane avanzato, tagliato a fette e tostato, possiamo preparare ottime bruschette, magari con mozzarelle e alici, o pomodoro e basilico. 0 anche, se il tipo di pane lo consente, panzanelle, pan cotto, pappa al pomodoro.
Infine: tagliato a dadini e fatto saltare in padella con olio e rosmarino e aglio, si trasforma nel migliore complemento possibile per una zuppa, specie se di legumi. 0 ancora torte: il pane ammollate nel latte, con l'aggiunta di uova, mele, uvette e zucchero, diventa un sorprendente dessert, "budinoso" e rustico. Buone torte anche dai biscotti vecchi: utilizzateli come base per cheese cake. 0 crumble alla frutta, ovvero tritati e aggiunti a un po' di burro e zucchero a formare una deliziosa crosticina sopra a una piccola teglia di frutta fresca tagliata a pezzi.