venerdì 31 gennaio 2014

DIETA DISSOCIATA


 
I tipi di dieta dimagrante proposti finora sono sempre stati basati sul principio di diminuire l'apporto calorico giornaliero, in modo da costringere l'organismo a consumare una parte delle sue scorte, cioè il grasso.
Queste diete sono sempre perfettamente equilibrate, composte cioè di quantità opportune di carboidrati, grassi e proteine, per non incorrere in pericolose carenze alimentari provocate dall'insufficiente nutrizione.
La dieta « dissociata » invece è, da questo punto di vista, addirittura rivoluzionaria: essa, invece di fornire una minor quantità di alimenti diversi, prescrive ogni giorno un gruppo di alimenti di un solo tipo (solo proteine o farinacei o vegetali, ecc.) costringendo l'organismo a fornire da parte sua tutte le altre sostanze che giornalmente gli vengono a mancare nella dieta.
L'organismo, dovendo sfruttare le sue scorte per integrare una dieta dissociata ogni volta in modo diverso, diminuisce rapidamente di peso.
Per ottenere buoni risultati questa dieta deve essere seguita per almeno quattro settimane in modo scrupoloso; sono indispensabili però, per affrontarla, cuore e fegato in perfette condizioni.
lì tipo più diffuso di dieta dissociata (di cui esistono diverse varianti) è quello che consente l'uso di un solo gruppo di alimenti per ogni giorno della settimana.
Ecco un esempio.
Lunedì: solo verdura (minestre di verdura,insalate miste, una patata bollita, verdure cotte, frutta cotta).
Martedì: solo carne (brodo magro, carne ai ferri, pollo, prosciutto cotto, arrosto magro).
Mercoledì: uova e latte (yoghurt, latte magro, un uovo crudo al mattino, due uova fritte a mezzogiorno, un uovo sodo alla sera).
Giovedì: latte e formaggi (latte magro, ricotta, formaggi freschi e magri, yoghurt).
Venerdì: pesce (scampi lessi, pesce lesso o alla griglia, frutti di mare, ecc.).
Sabato: solo frutta (frullati, frutta cotta, frutta sciroppata e un po' di latte magro).
Domenica: dieta mista normale, però senza mai eccedere nella quantità.
Tutti i giorni, oltre agli alimenti prescritti dalla dieta, si potranno bere acqua minerale e un po' di tè o caffè.
Le calorie introdotte ogni giorno con gli alimenti prescritti non dovrebbero mai superare le 1000; questa quota di calorie si mantiene senza troppe difficoltà, perché la dieta dimagrante dissociata, essendo piuttosto monotona, riduce notevolmente l'appetito.

giovedì 30 gennaio 2014

CONSIGLI UTILI PER LA SICUREZZA


1 Meglio non scrivere su Facebook, Twitter o Instagram i propri spostamenti per non dare coordinate utili ai malintenzionati.

2 Occhio allo zerbino. Chi fa le pulizie non dovrebbe lasciarlo sollevato sulla porta, perché potrebbe provare l'assenza dell'inquilino.

3 Quando siete in vacanza, chiedete a un amico di ritirare periodicamente la posta. L'accumulo nella cassetta è un segnale per i ladri.

5 Piante rampicanti e tubi possono essere usati da ragazzini acrobati per entrare negli appartamenti, anche ai piani alti.

5 E’ utile proteggere l'appartamento con porte blindate, vetri antisfondamento, tapparelle metalliche con bloccaggi, telecamere e allarmi.

mercoledì 29 gennaio 2014

OTTIMIZZAZIONE DEI SALDI


GIORNO DI MERCATO A IL CAIRO

Nella capitale d'Egitto c'erano tre negozi situati uno accanto all'altro, che si aprivano su una piazza della città e vendevano più o meno le stesse cianfrusaglie. Quello di sinistra apparteneva a un  palestinese, quello al centro a un ebreo, quello di destra  a un egiziano. Gli affari non andavano molto bene e ognuno di loro pensava come poter , migliorare. Una mattina arrivò il palestinese e affisse sulla porta del proprio negozio un cartello con la scritta: "SALDI". Arrivò l'egiziano, lesse e  appese sulla propria porta un cartello a caratteri più grandi: "SALDI ECCEZIONALI". Da ultimo arrivò l'ebreo, esaminò la situazione e scrisse sulla propria porta “ ENTRATA PRINCIPALE “.

martedì 28 gennaio 2014

CUCIRE A MACCHINA IL NYLON


Quando dovete cucire a macchina tessuti leggieri di nylon avrete notato che facilmente l'ago scivola, saltando i punti e formando una cucitura irregolare e quindi antiestetica.

Per evitare questo inconveniente basterà che imbastiate sopra il tessuto, nel punto giusto, dei fogli di carta velina che, a lavoro ultimato, si strapperanno via con estrema facilità.

Lo stesso sistema si rivelerà utilissimo per cucire i tessuti molto leggieri di seta o di cotone, impedendo che si raggrinzino.

lunedì 27 gennaio 2014

COME PREPARARE- DECOTTI -TINTURE- SCIROPPI


Eccovi alcune semplici indicazioni per preparare infusi, decotti, tinture e sciroppi:

Infuso o tè: si versa il liquido bollente sull'erba, quindi si copre lasciando riposare per il tempo indicato.

Decotto o decozione: si pone l'erba nell'acqua fredda e si fa bollire finché è necessario. I decotti devono essere preparati volta per volta e possono essere conservati, al fresco, per non oltre 24 ore.

Tintura: si lascia macerare l'erba tagliata fine nell'alcool avente la gradazione richiesta e si agita frequentemente. Trascorso il tempo di macerazione occorre scolare, spremendo l'erba e filtrandola attraverso un pannolino pulito. Le tinture vanno conservate in boccette di vetro scuro con tappo smerigliato a contagocce.

Sciroppo: si prepara con zucchero raffinato e acqua nella proporzione indicata, riscaldando sul fuoco, unendo l'erba e mescolando fino a completo scioglimento dello zucchero. Per ottenere un liquido limpido si deve evitare l'ebollizione; si filtra alla fine attraverso una tela pulitissima.

domenica 26 gennaio 2014

COPPAROSA


 
 
A chi soffre di copparosa consigliamo impacchi di malva o di camomilla. Ottimo è anche l'effetto della lozione che si ottiene facendo bollire una lattuga in un litro di acqua e colando il liquido attraverso una garza.
 

 
 
 
 
 

sabato 25 gennaio 2014

CANI INQUIETI

Quando i vostri cani sono eccessivamente inquieti e tormentati da prurito, quasi certamente soffrono di una forma di autointossicazione; si rivela utile in questi casi il tenerli per un certo periodo senza carne e il somministrare loro per una settimana,ogni mattino, mezzo cucchiaino di sale inglese sciolto in due dita d'acqua tiepida.


venerdì 24 gennaio 2014

NEGRO IN CAMICIA


Un dolce facile e rapidissimo: il « negro in camicia ». Mescolate tra di loro un vasetto di purea di castagne e una quantità adeguata di panna montata vanigliata.
Distribuite il composto nelle coppe individuali, decorandole poi con
una ciliegina candita al centro e con una cordonatura di panna intorno.

giovedì 23 gennaio 2014

TISANE DIGESTIVE


La menta peperita ha proprietà toniche e stimolanti della digestione, antispasmodiche, antisettiche. Si prepara l'infuso mettendo un cucchiaio di foglie secche in 100 grammi di acqua: una tazza di questa bevanda presa dopo i pasti facilita la digestione, calma eventuali dolori di stomaco e concilia il sonno. Le foglie secche di menta peperita si trovano in farmacia o erboristeria, confezionate in scatolette.

Una buona tisana digestiva si può preparare mettendo in una tazza di acqua bollente un cucchiaino di fiori di camomilla, un pizzico di fiori di tiglio e un pizzico di foglie di menta.

mercoledì 22 gennaio 2014

SALA DA PRANZO


Ci stiamo abituando, per forza di cose, alle case piccole, con un numero di locali limitato e, di conseguenza, ai problemi pratici che ne derivano. Ci stiamo abituando anche alle stanze a due o più usi: soggiorno-studio, camera da letto-spogliatoio, e soprattutto cucina-soggiorno-pranzo; soluzioni, queste, che hanno sconvolto completamente l'impostazione tradizionale della casa. Ma c'è un locale che più di ogni altro forse rimpiangiamo e ricordiamo con nostalgia: la vecchia sala da pranzo, dove la famiglia si riuniva attorno al tavolo e alla zuppiera fumante, sotto la luce della lampada. La sala da pranzo è proprio scomparsa del tutto dalle case moderne? Del tutto forse no, ma certo è sempre più rara: si sente spesso dire anzi che è un locale superato e si cerca così di giustificare con esigenze di moda quella che è invece, quasi sempre, un'esigenza di spazio.

Spesso, quando la pianta dell'appartamento prevede una sala da pranzo abbastanza vicina alla cucina e adiacente al soggiorno, si fa abbattere, almeno in parte, la parete che la divide dal soggiorno per ottenere un ambiente se non più pratico, molto più gradevole da un

punto di vista estetico, in quanto si ampliano le dimensioni del locale e si ottiene l'effetto di dare respiro alla casa.

Altre volte, poi, il locale-pranzo proprio non c'è: già in pianta esso è destinato a essere incorporato nel soggiorno, che diventa così soggiorno-pranzo. I suoi confini allora sono un tappeto, il cerchio di luce della lampada, il vano della finestra: gli è riservato pochissimo

spazio e viene usato solo in determinate occasioni, perché abitualmente si mangia in cucina, un locale che, arredato con gusto ed eleganza, non ha niente da invidiare ad altri più rappresentativi.

È evidente dunque che la posizione e la sistemazione del pranzo nella casa di oggi è quanto mai fluida e diversa a seconda dello spazio che si ha a disposizione, delle abitudini e delle esigenze di ciascuno.

martedì 21 gennaio 2014

NOTIZIARIO OSPEDALE SAN RAFFAELE

       

È curato da Aragorn il progetto grafico di Salute & Ricerca, il nuovo notiziario semestrale dell’IRCCS Ospedale San Raffaele destinato a pazienti, donatori e sostenitori vicini alle attività di clinica e di ricerca della struttura.

I contenuti della newsletter sono suddivisi in varie sezioni: la prima parte è dedicata alla prevenzione e alla salute e in ogni numero vengono trattati temi diversi con consigli e suggerimenti degli specialisti; la seconda contiene notizie e interviste legate all’attività di ricerca dell’Ospedale, mentre la terza parte è uno spazio con gli eventi e le iniziative che il San Raffaele organizza o a cui partecipa.
Per info: Aragorn 02 465 467 33

lunedì 20 gennaio 2014

CAMICIE PIEGATE


Le piegature delle camicie da uomo richiede molta cura e molto tempo, se si vuole evitare il formarsi di brutte pieghe. Se avete un po’ posto negli armadi appendete  le camicie stirate alle grucce, riponendole poi nell’armadio badando di mantenere tra una e l’altra una minima distanza.

domenica 19 gennaio 2014

LIVINGBOX


Tra i progetti di bioarchitettura presentati allo Smart Village del 2013 troviamo 'Livingbox', un'unità residenziale modulare trasportabile, realizzata da Edilportale in collaborazione con l'Università di Trento. Si tratta di una 'casa-scatola' realizzata mediante processi coerenti ai principi di sostenibilità e modelli riconosciuti nel mondo.
Livingbox viene realizzato con materiali naturali e/o riciclabili/riciclati, come il legno che permette di contenere l'emissione di CO2 nell'atmosfera. Fa inoltre uso di sistemi energetici per la produzione di energia da fonti rinnovabili, come pannelli solari termici o fotovoltaico. A questo si aggiungono delle soluzioni progettuali che massimizzano gli apporti naturali gratuiti (finestre orientate a seconda della provenienza del sole invernale ed estivo).

Il riscaldamento è a pavimento o a parete con integrazione dei due gusci e la ventilazione può essere di tipo naturale o meccanica.

Tutte le caratteristiche di Livingbox sono state pensate per minimizzare l'impatto dell'edificio sull'ambiente e nello stesso tempo per andare incontro alle esigenze di nomadismo dell'uomo di oggi che è costretto spesso a rincorrere opportunità di lavoro lontano dal luogo della propria residenza.

sabato 18 gennaio 2014

DIRETTIVE RAEE


Via libera preliminare dal Governo il 13 dicembre 2013 allo schema di Dlgs di recepimento della direttiva 2012/19/Ue sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Il testo è trasmesso al Parlamento per i pareri di rito e tornerà al Governo per l'ok definitivo.

Tra le modifiche al 'sistema RAEE' previste dal provvedimento si segnalano: una migliore definizione del campo di applicazione del provvedimento; chiarimenti sulla distinzione tra RAEE domestici e professionali (i RAEE cd. 'dual use' sono ricondotti nell'ambito dei domestici); misure agevolative della preparazione per il riutilizzo; introduzione del ritiro cd. 'uno contro zero' per i Raee di piccolissime dimensioni; modifiche alle norme sul finanziamento della gestione dei RAEE.
La delega al recepimento arriva dalla legge di delegazione europea 2013 (legge 96/2013). Il termine ultimo per recepire la direttiva è il 14 febbraio 2014, ma la legge 234/2012 ha previsto in genere termini più 'stretti' (due mesi prima della scadenza del provvedimento Ue). Quindi il termine ultimo per esercitare correttamente la delega del 14 dicembre 2013 è stato rispettato dal Governo col varo del Dlgs in parola.

 

venerdì 17 gennaio 2014

CONSERVAZIONE DEI PELTRI


Perché il peltro non si sciupi deve essere trattato con particolari cautele che si devono osservare soprattutto quando si procede alla pulitura degli oggetti. Il peltro comune va pulito, normalmente, con la pietra pomice o la sabbia di stagno.
Molti usano acido muriatico diluito, perché dà al metallo una bella apparenza argentea: ma questa pulitura va eseguita con estrema attenzione e soltanto da esperti, perché se l'acido non è diluito a sufficienza può causare all'oggetto danni irrimediabili.
I peltri nobili, particolarmente se sono antichi, non hanno bisogno di una pulizia così radicale. Una leggera patina è il segno della loro antichità e aggiunge pregio e bellezza. Limitatevi quindi a bagnarli con dell'acqua in cui avrete sciolto un po' di liscivia e a strofinarli con una spazzola molto morbida, per non rischiare di rigarli.
Se possedete dei pezzi di un certo pregio, è preferibile affidarli, per la pulizia, a un esperto.

giovedì 16 gennaio 2014

BAMBINI CON IL PALLINO DEL PC


• I coderdojo sono laboratori di programmazione che si tengono, una volta al mese, in spazi ottenuti gratuitamente. E gratuiti sono i corsi,dedicati a chi ha tra i 6 e i 12 anni (anche se in alcuni casi si organizzano incontri fino ai 17 anni). Si possono frequentare a Milano, Bologna, Firenze, Trento, Pavia, Roma, Parma, Catania, Torino e Brescia. Per scoprire le prossime date e le città che man mano si aggiungono, www.coderdojoitalia.org.

• I fablab sono laboratori di fabbricazione aperti a persone di ogni età e presenti in molte città italiane: Torino, Bologna, Milano, Catania, Bolzano, Firenze, Roma, Napoli, Pisa, Venezia e Palermo. Vengono organizzati quasi dappertutto eventi per bambini e per ragazzi, distinti per fasce d'età: costano mediamente 15-20 euro, ma in alcuni casi sono gratuiti. Per sapere dov'è il fablab più vicino, http://wiki.fablab.is/wiki/Portal:Labs.

mercoledì 15 gennaio 2014

DIETA PER LA DIVERTICOLITE


Durante le fasi acute della malattia bisogna seguire un regime dietetico rigido. Quando i diverticoli, cioè le piccole formazioni che si creano nell'intestino, si infiammano, scatenano dolori addominali, nausea, vomito, febbre e diarrea. In questi periodi è necessario fare lavorare l'apparato gastrointestinale il meno possibile in modo da spegnere l'infiammazione. Bisogna allora ricorrere per qualche settimana a una dieta povera di fibre. Che consiste nell'esclusione di cereali, pane e pasta integrali.

Va evitata anche la maggior parte dei vegetali. Uniche eccezioni: patate, carote, zucchine, mele sbucciate e banane.

Passato l'attacco acuto, però, si può tornare gradualmente a una dieta varia e ricca di fibre. E arrivare ad assumere in abbondanza proprio quegli alimenti che erano stati eliminati. Per evitare di infiammare di nuovo i diverticoli, infatti, bisogna mantenere un intestino regolare. Quindi via libera alla frutta e alla verdura, oltre che ai cereali integrali.

martedì 14 gennaio 2014

FUMO E SESSO


Butta la sigaretta

Il fumo è il nemico numero uno delle arterie. E gli effetti di una sola sigaretta durano ore, riducendo anche del 30 per cento l'afflusso di sangue ai genitali.
«Un bel guaio, perché se la circolazione non funziona, arriva poco ossigeno e la capacità di eccitazione diminuisce» spiega Emmanuele Jannini. Vale per te e a maggior ragione per lui: più tabacco uguale meno erezioni.

lunedì 13 gennaio 2014

CANDEGGIO CON PERBORATO di sodio


IL PERBORATO DI SODIO

Per candeggiare i panni si può adoperare anche il perborato di sodio il quale ha il vantaggio di corrodere meno le fibre, di non alterare i colori e di non lasciare alcun odore.
Per sbiancare (e cioè accrescere il candore dei panni già puliti) si scioglie un cucchiaio colmo di perborato per ogni cinque litri di acqua.
Di tanto in tanto potete sottoporre a questo trattamento tutti i capi bianchi che, pur non essendo macchiati, hanno perso il loro candore, o i polsi e i colli delle camicie su cui a lungo andare si forma una « ombra » giallastra.
Per candeggiare (e cioè eliminare eventuali macchie oltre che ottenere un candore maggiore) si sciolgono sino a tre cucchiai di perborato per ogni cinque litri di acqua.
Sciolto accuratamente a parte il perborato (eventuali grumi lascerebbero tracce sul tessuto) lo si unisce al resto dell'acqua occorrente che deve essere calda ma non bollente.
Immergete i panni nella soluzione, lasciateli a bagno per circa un'ora, poi sciacquateli abbondantemente in acqua corrente.

domenica 12 gennaio 2014

GIOCO D'AZZARDO


GIOCO D'AZZARDO, IL GOVERNO CORRE IN AIUTO Al MALATI

Un piano d'azione per supportare chi soffre di dipendenza da gioco: tra le novità linee d'ascolto e un software per identificare il rischi.

Per saperne di più sul gioco d'azzardo patologico, il problema subdolo sempre più diffuso, consultare sito dell'associazione Azzardo e nuove dipendenze:

WWW.ANDINRETE.IT

sabato 11 gennaio 2014

ELASTICO PER IL MAL DI SCHIENA


Contro il mal di schiena un elastico per sostituire i dischi vertebrali usurati: è la nuova tecnica messa a punto alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno (Cs), struttura convenzionata con il Servizio sanitario regionale. L'intervento prevede l'inserimento, grazie a una tecnica mini invasiva, dì dispositivi elastici in grado di rendere stabilì i dischi degenerati. E questo un esempio di come la chirurgia vertebrali d'avanguardia tenda a essere sempre meno demolitiva e sempre più conservativa.

venerdì 10 gennaio 2014

TRUCCO DUREVOLE

Volete che il trucco duri di più e sia più omogeneo? Dopo aver applicato la crema base e il fondo-tinta, passatevi sul viso un cubetto di ghiaccio avvolto in un pezzetto di garza. Poi completate il trucco. 

giovedì 9 gennaio 2014

IL RISO


Il consumo di riso, nel nostro paese, è in media piuttosto modesto, sebbene l'Italia sia, fra i paesi europei, il maggior produttore di questo cereale.
Occorre però precisare che mentre nel Nord il consumo è elevato (in Lombardia si giunge a una media annua di 20 chilogrammi a testa) nel Sud esso si riduce di molto, data la spiccata preferenza di queste popolazioni per la pasta.

TRA PASTA E RISO, MEGLIO IL RISO

Dal punto di vista calorico, riso e pasta si equivalgono in quanto ambedue sono costituiti in gran parte da idrati di carbonio.
Tuttavia il confronto fra riso e pasta si risolve a vantaggio del primo per i seguenti motivi:
1) gli idrati di carbonio del riso vengono utilizzati quasi completamente, con minime e trascurabili perdite;
2) contiene minor quantità di cellulosa ed è quindi più facilmente digeribile;
3) il valore delle sue proteine è quasi pari a quello delle proteine contenute nella carne. È vero che sono presenti in piccola quantità, ma hanno un notevole valore nutritivo. A questo proposito, è abbastanza significativo che esistano popoli i quali si nutrono quasi esclusivamente di riso.

NUTRE SENZA AFFATICARE LO STOMACO

L'alto potere energetico, la facile digeribilità e la presenza delle proteine raccomandano il consumo di riso a tutte le età.
Soltanto il riso è in grado di risolvere il difficile dilemma di tutti coloro che hanno bisogno di un'alimentazione abbondante, senza affaticare troppo lo stomaco.
Si raccomanda  perciò...
...agli sportivi che spesso, a poca distanza dai pasti, sono chiamati a sforzi e fatiche ,
... ai lavoratori manuali e intellettuali, compresi gli studenti, che riprendono il lavoro o lo studio quando ancora hanno — come si dice — « il boccone in gola »;
...e, soprattutto, ai sofferenti di disturbi gastro-intestinali ed epatici. Costoro, molto spesso, a causa della digestione lenta e difficile, sono costretti a ridurre la quantità dei cibi introdotti ad ogni pasto. In questo caso pertanto il riso svolge addirittura un'autentica azione curativa, come avviene ad esempio nei casi di ipertensione: un regime a base di riso e frutta, con assoluta esclusione di sale (la cosiddetta dieta di Kempner) si rivela molto efficace nel trattamento di questa malattia.

CONSIGLI PER LA PREPARAZIONE

Per poter beneficiare pienamente dell'elevato valore nutritivo del riso, sarebbe consigliabile consumare quello non brillato ossia quello che non è stato privato della cuticola esterna dove si trova soprattutto la vitamina B1. Oggi, però, è difficilissimo trovare in commercio riso che non sia stato « trattato » (e quindi privato di molte sue proprietà).
Usando qualche accorgimento è possibile, anche usando risi brillati, ridurre al minimo le perdite di valore nutritivo. Anzitutto, si cerchi di evitare o di limitare il lavaggio del riso: ciò è possibile senz'altro con le varietà più pregiate, che offrono le migliori garanzie igieniche; per le varietà comuni, si cerchi di ridurlo al minimo indispensabile.
Per quanto riguarda la cottura sarebbe ideale quella a vapore che mantiene intatto il patrimonio vitaminico e salino.
Purtroppo, le possibilità di cottura a vapore, per il riso, sono piuttosto poche; si abbia cura, ad ogni modo, di farlo cuocere il minimo indispensabile e si utilizzi, per quanto possibile, l'acqua di cottura per recuperare i sali che in essa si sono disciolti.
Da qualche tempo alcune tra le più qualificate industrie alimentari hanno messo in vendita una particolare qualità di riso che in seguito a un particolare trattamento, conserva intatto tutto il suo prezioso patrimonio nutritivo di proteine, vitamine e Sali minerali, che spesso va sprecato nell'acqua.

mercoledì 8 gennaio 2014

ODORE DI STANTIO DAL FORNO

Per togliere dal forno  l'odore di stantio: mettete nel forno delle bucce di arancia e di limone e un recipiente con dell'acqua. Accendete il forno: il vapore che si sprigiona dall'acqua permetterà alle bucce di spandere tutto il loro profumo, deodorando il forno.

martedì 7 gennaio 2014

BMW 435I COUPE' SPORT


 

Motore: 6 cilindri in linea, a benzina sovralimentato, 4 valvole per cilindro, 2.979 ce, 306 CV tra 5.800 e 6.000 giri/minuto; coppia 400 Nm tra 1.200 e 5.000 giri/minuto.

Emissioni: 185 g/km di C02; Euro 6. Trazione: a ruote posteriori.

Sterzo: a cremagliera, assistito; diametro di sterzata 11,3 metri.

Sospensioni: anteriori tipo Mc-Pherson, posteriori multibraccia.

Cambio: automatico a 8 rapporti.

Freni: anteriori e posteriori a disco autoventilanti.

Dimensioni: lunghezza 4,64 metri. larghezza 1,83 metri, altezza 1,36 metri; passo 2,81 metri. Peso: 1.510 kg.

Capacità: vano bagagli 445 litri; serbatoio del carburante 60 litri.

Prestazioni: velocità massima 250 km/h; accelerazione da 0 a 100 in 5 secondi e un decimo.

Consumi: urbano 102 1/100 km; extraurbano 5,5; misto 7,2; 850 km di autonomia.

Prezzi: da 43.900 euro per la versione 428i.

lunedì 6 gennaio 2014

BEFANA E RE MAGI

I cammelli dell’Epifania

Epifania, nell’aria quieta
guizza la coda d’una cometa
ferma all’ingresso d’una capanna
dove dolcissima canta una mamma.
Canta una mamma, lunghi ha i capelli,
immensi gli occhi tranquilli e belli,
lunghi capelli come di seta,
come la coda della cometa.
E tre cammelli, lungo la via
giungono proprio all’Epifania.
Tre re, tre magi portan con loro
in dono: mirra, incenso e oro.
Incenso mirra e una coppa d’oro
per un minuscolo, grande tesoro.
Anche se lunga, dolce e’ la via
ai tre cammelli dell’Epifania.

domenica 5 gennaio 2014

LA PALLINA DALLE 7 VITE



Winball si sta affermando oggi come il marchio di palline da tennis che sta conquistando la Spagna. Un'azienda spagnola con sede ad Alicante ha avuto un'idea brillante, quella di dare nuova vita alle vecchie palline da tennis, altrimenti destinate alle discariche. 


Si calcola che ogni giocatore di tennis consumi l'anno almeno 100 palline da tennis. Grazie ad una macchina di ripressurizzazione la Winball riporta queste palline a nuova vita. L'idea parte da un brevetto americano di cui la Winball ha ottenuto i diritti per l'Europa. 

La macchina di ripressurizzazione permette di riciclare fino a 400 palline da tennis alla volta, fornendo alle stesse la pressione iniziale e quindi offrendo le medesime prestazioni delle palline nuove. Ogni pallina può essere poi riciclata fino a sette volte.

In termini economici, mentre un set di tre palline da tennis nuove costa attorno ai cinque euro, lo stesso set riciclato ha un costo di un solo euro. Il motto dell'azienda è "recycling your game" (riciclando la tua gara) e l'azienda offre ora la possibilità a club e negozi di diventare punti di raccolta. Ancora la Winball permette la personalizzazione delle palline riciclate con un proprio marchio.

 

sabato 4 gennaio 2014

TARI

Arriva la nuova Tari per il servizio raccolta e smaltimento rifiuti
Dal 2014 arriva la Tari, la nuova tassa destinata coprire il servizio raccolta e smaltimento rifiuti. Lo prevede la legge 27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilità 2014) in vigore dal primo gennaio 2014.
La Tari è uno dei due componenti della nuova 'Iuc' (articolo 1, comma 639, legge 147/2013), l'imposta unica comunale che sostituisce la Tares, istituita dall'articolo 14, Dl 201/2011. L'altra componente della 'Iuc' è la Tasi, il tributo che finanzia i servizi indivisibili dei Comuni. Presupposto della nuova tassa rifiuti è il possesso di locali o aree suscettibili di produrre rifiuti urbani.
I Comuni però, con regolamento, possono commisurare la tassa alle quantità e qualità medie dei rifiuti prodotti per unità di superficie. Sempre con regolamento, il Comune può disporre riduzioni della Tari (ad esempio, abitazioni con unico occupante, o ad uso stagionale). Il tributo non è dovuto in relazione alla quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di avere avviato al recupero.
Per approfondimenti:  legge n. 147 del 27 dicembre 2013 (legge di Stabilità)

venerdì 3 gennaio 2014

GALATEO DA SALOTTO

In salotto arriva un nuovo ospite: la padrona di casa deve alzarsi o rimanere seduta.
A meno che non si tratti di un ragazzo molto più giovane di lei, la padrona di casa deve sempre alzarsi e andare incontro al suo ospite: anche se questi è un uomo.

giovedì 2 gennaio 2014

PASSIONE DI FRANCOBOLLI


Chi ha la passione della raccolta dei francobolli, sappia che con una spesa minima è possibile associarsi a un'organizzazione che spedisce a domicilio i valori bollati di nuova emissione di uno o più Paesi secondo gli accordi, e inoltre invia detti francobolli in una busta recante il bollo appena emesso con il timbro del primo giorno di emissione, che, come i collezionisti sanno, acquista un valore particolare. In breve questi francobolli aumentano di valore e permettono a chi li ha di realizzare un buon guadagno.